SCUOLA DI SEZZE SCALO. I GENITORI ESIGONO TEMPI CERTI PER I LAVORI E FORMANO UN COMITATO DI CONTROLLO

Porzione centrale del retro della Scuola Caio Valerio Flacco

Lunedì mattina sono partiti i lavori di consolidamento del solaio del deposito comunale in prossimità della via di accesso all’entrata principale della Scuola di Sezze Scalo. Eppure, oltre ai cartelloni strambi, c’è già qualcosa che non quadra ai genitori e ai parenti stretti degli alunni che annunciano di costituirsi in un comitato al fine di monitorare e verificare i lavori in corso e da eseguire per l’istituto scolastico “Caio Valerio Flacco” – Plesso di Sezze Scalo.

Solaio seminterrato del magazzino comunale contiguo alla Scuola Valerio Flacco

Ormai stanchi di sentire solo tante parole e nulla di veramente concreto in merito ai lavori necessari per l’adeguamento del nostro Istituto Scolastico di Sezze Scalo – scrivono in una nota stampa – per volontà dei genitori degli alunni della scuola, riunitisi in questi ultimi giorni in diversi incontri, abbiamo deciso, quali componenti dei rappresentanti d’istituto e dei rappresentanti di classe di Sezze Scalo, di costituire un “Comitato per il monitoraggio e verifica dei lavori attualmente in corso (rifacimento del solaio – zona transennata) e dei lavori da eseguire (edificio scolastico)”.

Foto satellitare della Scuola Flacco con indicazione del solaio

Comprensibile l’apprensione degli adulti, considerato ciò che scrisse il primo cittadino Sergio Di Raimo all’indirizzo della Direzione Infrastrutture e Mobilità della Regione Lazio in merito all’istituto comprensivo di materna, elementari e medie di Sezze Scalo: “…da qui la conclamazione di una situazione di criticità delle strutture che richiede di intervenire con estrema urgenza”. 

Costruito agli inizi degli anni ’80, l’istituto non ha mai ricevuto interventi di manutenzione ordinaria e oggi richiede di essere messo in sicurezza tra finanziamenti non erogati, lungaggini e situazioni al limite della decenza

Caio Valerio Flacco: Istituto comprensivo di scuola dell’infanzia, elementare e media (Sezze Scalo)

È esigenza di tutti noi – prosegue il comunicato dei genitori rappresentanti di istituto e di classe – avere maggiore contezza della situazione della nostra scuola ed al contempo contribuire, con tutte le Istituzioni interessate, per rinvenire, nel più breve tempo possibile, soluzioni adeguate. È, altresì, necessario accertare le reali intenzioni dell’Amministrazione Comunale di Sezze in merito alle iniziative intraprese e da intraprendere per il nostro plesso scolastico”.

Apprendiamo – continua la nota – che sono finalmente iniziati i lavori (dopo circa due anni) per il rifacimento del solaio (zona transennata) ma questo non può certamente renderci tranquilli poiché non vi è alcuna chiarezza, invece, in merito all’inizio dei lavori dell’edificio scolastico; quest’ultimi devono iniziare (meglio terminati) entro il mese di agosto dell’anno 2020 come prescritto da una “perizia tecnica” eseguita dal Comune di Sezze”.

Retro della Scuola Caio Valerio Flacco

In conclusione, i rappresentanti del costituendo comitato non lesinano altre critiche all’amministrazione setina responsabile di scarsa trasparenza sull’iter dei lavori: “Precisiamo, inoltre, che il fine del “Comitato” è altresì quello di dare adeguate informazioni a tutti i genitori e così eliminare il clima di incertezza creatosi e scontati allarmismi; è di palese evidenza che, ad oggi, il Comune di Sezze non ha inteso mai chiarire la consistenza ed i termini dei lavori da intraprendere per il plesso scolastico. A tal fine rappresentiamo che dalla settimana prossima daremo corso ad una serie di iniziative per far sentire la nostra voce e, in particolare, con un presidio permanente presso l’esterno del plesso scolastico e dove invitiamo tutti i genitori a partecipare; precisiamo, infine, che il “Comitato” è aperto a tutti i genitori degli alunni ed aspettiamo il loro prezioso apporto per coordinare le ulteriori iniziative da intraprendere e per diffondere le informazioni sui lavori”.

Tar Roma
Articolo precedente

PPI. COMITATO CIVICO DI CORI PRESENTA RICORSO AL TAR CONTRO IL DECRETO DI ZINGARETTI

Manlio Cerroni
Prossimo articolo

MONTELLO, ALTRO CHE BONIFICA! CAVALLI, CAVILLI, PROMESSE E SPERGIURI SULLA DISCARICA

Latest from Same Tags