INTIMIDAZIONE INCENDIARIA ALLA CIOLFI: LIBERATO ANCHE MANDRELLI

/
Il giorno in cui Mandrelli e Mastrostefano sono stati ristretti ai domiciliari con l'accusa di aver minacciato la consigliera comunale di Latina Bene Comune Maria Grazia Ciolfi
Il giorno in cui Mandrelli e Mastrostefano sono stati ristretti ai domiciliari con l'accusa di aver minacciato la consigliera comunale di Latina Bene Comune Maria Grazia Ciolfi

Valentino Mandrelli, accusato di aver materialmente dato alle fiamme l’auto della consigliera comunale Maria Grazia Ciolfi, è stato scarcerato

Leggi anche:
LATINA, INTIMIDAZIONE ALLA CIOLFI: MINACCIATA PER OMETTERE UN ATTO D’UFFICIO. DOMICILIARI PER I DUE UOMINI

A deciderlo il Tribunale del Riesame di Roma che ha revocato a lui la misura degli arresti domiciliari, accogliendo la tesi difensiva delle dichiarazioni dell’indagato non utilizzabili e riqualificando il reato da minacce a tentativo di minacce a pubblico ufficiale.

Leggi anche:
LATINA, 2 ARRESTI PER L’AUTO INCENDIATA ALLA CIOLFI: ALL’ORIGINE UNA SEGNALAZIONE DI UN ABUSO EDILIZIO

Per i giudici dell’ex Tribunale della Libertà non ci sono i presupposti per mantenere la misura cautelare a carico dell’indagato e per questo Mandrelli è stato liberato senza nessun obbligo di polizia giudiziaria.

Leggi anche:
ACCUSATO DI AVER INTIMIDITO LA CIOLFI, NEL 2016 ERA CANDIDATO AL CONSIGLIO COMUNALE DI LATINA

Solo qualche giorno fa, anche Gianni Mastrostefano, l’uomo che è considerato il mandante dell’incendio e che avrebbe pagato Mandrelli per attuare l’intimidazione contro la Ciolfi (si è ritrovata il suv bruciato dentro casa), era stato sollevato dagli arresti domiciliari, con obblighi di polizia giudiziaria, per decisione dello stesso Tribunale del Riesame di Roma.

Leggi anche:
AUTO BRUCIATA ALLA CIOLFI: LIBERATO MASTROSTEFANO

Articolo precedente

SEZZE, STATUA DEL BELVEDERE TUTTO RINVIATO: PRIMO ROUND AL COMITATO

incendio appartamento
Prossimo articolo

ROGO IN UN APPARTAMENTO A MONTE SAN BIAGIO

Latest from Same Tags