AUTO BRUCIATA ALLA CIOLFI: LIBERATO MASTROSTEFANO

Tribunale di Roma
Tribunale di Roma

Gianni Mastrostefano, l’uomo accusato di aver fatto bruciare l’auto della consigliera comunale di Latina Maria Grazia Ciolfi, è tornato ad essere libero

Leggi anche:
ACCUSATO DI AVER INTIMIDITO LA CIOLFI, NEL 2016 ERA CANDIDATO AL CONSIGLIO COMUNALE DI LATINA

Ristretto ai domiciliari dopo l’operazione dei Carabinieri di Latina del 15 maggio scorso, i giudici del Tribunale del Riesame di Roma, a cui il 42enne di Latina, originario di Velletri, si era rivolto, tramite il suo avvocato di fiducia Oreste Palmieri, hanno deciso per la sua liberazione riclassificando il suo reato da minaccia a tentativo di minaccia a pubblico ufficiale.

Leggi anche:
RITORSIONE ALLA CIOLFI: IN SILENZIO DAVANTI AL GIP MANDANTE ED ESECUTORE

I magistrati capitolini hanno riformato l’ordinanza di custodia cautelare del gip di Latina Pierpaolo Bortone e ora Mastrostefano avrà “solo” gli obblighi di polizia giudiziaria.

Leggi anche:
LATINA, INTIMIDAZIONE ALLA CIOLFI: MINACCIATA PER OMETTERE UN ATTO D’UFFICIO. DOMICILIARI PER I DUE UOMINI

La storiaccia, come noto, ha preso il via quando Mastrostefano, secondo gli inquirenti, in un’indagine coordinata dal pm della Procura di Latina Valentina Giammaria, decise di rivalersi contro la consigliera comunale di Latina Bene Comune, con delega specifica alla Marina di Latina, per un abusivismo contestatogli dalla Polizia Locale sull’arenile presso Foce Verde in Via Valmontorio. Mastrostefano la riteneva la responsabile di aver segnalato quell’abuso, un affronto tale da indurlo – questa è la tesi della Procura di Latina – a contattare un 32enne di Velletri Valentino Mandrelli per commissionargli lo sgarro: bruciare l’auto della consigliera comunale parcheggiata dentro la sua abitazione.

Leggi anche:
LATINA, 2 ARRESTI PER L’AUTO INCENDIATA ALLA CIOLFI: ALL’ORIGINE UNA SEGNALAZIONE DI UN ABUSO EDILIZIO

incendio
Articolo precedente

SABAUDIA, INCENDI BOSCHIVI: SCATTA L'ORDINANZA PREVENTIVA

estorsione-Terracina
Prossimo articolo

TERRACINA, ESTORTO E VESSATO PER AVER DENUNCIATO UN FURTO: A PROCESSO GLI "AGUZZINI" DEL MINORENNE

Latest from Same Tags