ALBA PONTINA: L’APPELLO CONFERMA LA MAFIA DEI DI SILVIO MA PENE RIDOTTE

Ferdinando Pupetto Di Silvio e Samuele Di silvio
Ferdinando Pupetto Di Silvio e Samuele Di Silvio

È di stamani la sentenza dei giudici della terza sezione penale della Corte d’Appello di Roma sul processo Alba Pontina per gli imputati che hanno scelto il rito abbreviato in primo grado

Dopo una breve camera di consiglio dei giudici Acerra-Ghedini Ferri-Bonagura, a tutti i condannati in primo grado sono state ridotte le pene. Per i figli del boss Armando “Lallà” Di Silvio, 10 anni e otto mesi a Ferdinando Pupetto Di Silvio, 12 anni e sei mesi a Gianluca Di Silvio,  11 anni e 10 mesi a Samuele Di Silvio. Resta l’aggravante mafiosa sebbene il reato dell’associazione per delinquere finalizzata al traffico di stupefacenti sia stato riqualificato in un’ipotesi più tenue.
Pene ridotte anche per Daniele Sicignano detto “Canarino” (4 anni e 20 giorni), Gianfranco Mastracci (tre anni e quattro mesi), Valentina Travali (due anni e due mesi), Mohamed Jandoubi e Hacene Hassan Ounissi (2 anni e 4 mesi) e Daniele Coppi (un anno e 4 mesi). Vedi nel link di seguito l’esito del primo grado.

Leggi anche:
CONDANNATI PER MAFIA I FIGLI DI LALLÀ DI SILVIO. E LA DIA EVIDENZIA IL PESO DEL CLAN CIARELLI

La Corte d’Appello ha disposto la condanna alla rifusione a favore delle parti civili: il Comune di Latina, la Regione Lazio e l’Associazione Caponnetto. Entro 90 giorni usciranno le motivazioni della sentenza. Leggi di seguito la storia del Clan Di Silvio e l’inchiesta Alba Pontina.

Leggi anche:
BASTARDA PONTINA (Parte I); BASTARDA PONTINA (Parte II); BASTARDA PONTINA (Parte III)

colonizzatori2
Articolo precedente

APRILIA: DOPO 5 ANNI LA DISCARICA ABUSIVA È COME E PEGGIO DI PRIMA

mensa
Prossimo articolo

LATINA: RIAPRE LA MENSA UNIVERSITARIA

Latest from Same Tags