DISASTRO E INQUINAMENTO LOAS DI APRILIA. SINDACO DI ANZIO: “COSTRETTI A RESPIRARE ARIA CONTAMINATA”

La Loas in fiamme - 9 agosto 2020
La Loas in fiamme - 9 agosto 2020

Il Sindaco di Anzio, Candido De Angelis, sull’incendio all’Impianto di Aprilia: “Mentre siamo tutti giustamente impegnati a contenere il covid-19, c’è diossina nell’aria con possibili conseguenze sulla salute pubblica. Pronti a costituirci parte civile nel procedimento penale”

Mentre siamo tutti impegnati a limitare gli assembramenti ed a contenere al massimo i contagi da covid-19, con provvedimenti restrittivi in vista del ferragosto, anche questa mattina siamo stati costretti a respirare l’aria contaminata che proviene dell’impianto di smaltimento e recupero rifiuti di Aprilia, andato a fuoco lo scorso 9 agosto. Lo Stato, la Regione, le ASL e tutte le varie Istituzioni, giustamente, stanno tenendo alta l’attenzione sul coronavirus ma, da giorni, c’è la presenza di diossina nell’aria, con possibili ricadute sulla salute pubblica“.

Leggi anche:
DISASTRO LOAS: BRUCIANO I DEPOSITI TRA PROROGHE DELLA PROVINCIA E GUAI GIUDIZIARI

Lo ha affermato il Sindaco di Anzio, Candido De Angelis, in riferimento all’incendio dell’Impianto Loas di Aprilia, che preoccupa sia la cittadinanza che l’Amministrazione Comunale, pronta ad assumere ogni azione utile per la salvaguardia ambientale del territorio.

Dopo gli incendi di Pomezia ed Aprilia, – prosegue il Sindaco di Anzio – è arrivato il momento che la Regione si assuma l’onere di una puntuale mappatura di tutti questi impianti, con la verifica del loro stato attuale e dei conseguenti rischi per la salute dei cittadini. Come Comune, a tutela della salute pubblica, – conclude il Sindaco De Angelis, che sta seguendo da vicino con gli Enti preposti l’evoluzione della vicenda – ci riserviamo la costituzione di parte civile nel procedimento penale, che andrà ad instaurarsi in ragione dei gravi fatti accaduti a pochi chilometri da Anzio“.

Leggi anche:
DISASTRO LOAS AD APRILIA. ARPA: VALORE DIOSSINA NETTAMENTE SUPERIORE A STANDARD

Sulla preoccupante vicenda il Comandante della Polizia Locale del Comune di Anzio, Antonio Arancio, ha scritto una nota all’Arpa Lazio e all’Asl Roma 6, evidenziando “un tasso di sostanze inquinamenti ragguardevole e pericoloso per la salute e l’incolumità pubblica. Considerato che tale inquinamento potrebbe interessare altresì le aree antistanti il sito e comune residenti nel Comune di Anzio, si chiede di accertare se sia presente un pericolo tale da rendere necessari provvedimenti di protezione civile, miranti alla salvaguardia della salute pubblica“.

Questa mattina l’Asl Roma 6 ha inviato una nota per invitare la popolazione ad effettuare un preliminare ed accurato lavaggio della frutta e della verdura, con acqua corrente potabile.

truffe agli anziani
Articolo precedente

"NON SIETE SOLI #CHIAMATECI SEMPRE": LA CAMPAGNA CONTRO TRUFFE AGLI ANZIANI

covid-19
Prossimo articolo

COVID-19, SONO 4 I NUOVI CASI IN PROVINCIA: 3 A SEZZE E UNO A SAN FELICE

Latest from Same Tags