SABAUDIA VA AL TAR CONTRO IL DECRETO DI RICONVERSIONE DEI PPI, PROBABILE ANCHE CORI.

Giada Gervasi e Franco Brugnola, quest'ultimo Presidente del Comitato a difesa del PPI e della Casa della Salute di Sabaudia

Il primo ottobre il Comune di Sabaudia, come riportato da Franco Brugnola nel suo blog ( si veda https://francobrugnola.blogspot.com/ ) ha pubblicato in Albo Pretorio la delibera n.180 adottata dalla Giunta Gervasi lo scorso 26 settembre in cui si autorizza il Sindaco, quale rappresentante dell’Ente, ad agire in giudizio per l’annullamento parziale del Decreto n.303 pubblicato nel Bollettino Ufficiale della Regione Lazio lo scorso 13 agosto.  

Dei due punti che saranno oggetto di ricorso al Tar del Piano di rientro della Regione, denominato Piano di riorganizzazione, riqualificazione e sviluppo del Servizio sanitario regionale 2019-2021, il primo è il 7.3.1 che prevede la trasformazione degli 11 Punti di Primo Intervento ancora esistenti, sette dei quali nella nostra Provincia (Cisterna, Cori, Gaeta, Minturno, Priverno, Sabaudia e Sezze) in Punti di erogazione per l’Assistenza Primaria.

Il secondo punto sarà invece il 17.9 relativo alle Case della Salute che non prevede la realizzazione nel Distretto sanitario 2 dell’Azienda Sanitaria Locale di Latina, e quindi nel Comune di Sabaudia. I due punti contrasterebbero apertamente con la delibera n. 31 del Consiglio comunale sabaudiano in cui si chiedeva alla Regione e all’Asl la realizzazione di una Casa della Salute presso la struttura di Via Conte Verde con il PPI come modulo aggiuntivo.

Il Presidente della Regione Zingaretti e Giada Gervasi

Tra i moduli base della CdS il Consiglio comunale rivendicava l’assistenza primaria, le attività specialistiche ambulatoriali con particolare riferimento alla disciplina di cardiologia, pneumologia, diabetologia/endocrinologia ed oculistica, l’ambulatorio infermieristico, il presidio di diagnostica per immagini, lo sportello CUP e il Punto Unico di Accesso come sportello informativo e di indirizzo a tutti i servizi sociosanitari erogati su base distrettuale.

Stando alla delibera di Giunta comunale 180 del 26 settembre scorso il Decreto di riconversione dei PPI contrasta anche con il DCA n.52 del 22 febbraio 2017 in cui si prevedeva la realizzazione di almeno una Casa della Salute per ogni distretto sociosanitario dell’Asl entro il 2018. Probabile a questo punto anche il ricorso da parte di Cori dal momento che con la delibera di Giunta n.129 del 29 agosto 2019 si affidava l’incarico all’avv. Tommaso Conti, sindaco dello stesso comune dal 2007 al 217, di provvedere ad impugnare i punti 7.3.1 e 17.9 del Piano di rientro regionale.