CRISI RIFIUTI: NIET DELLA MAD SI RIPERCUOTE IN PROVINCIA. ZINGARETTI ORDINA: LATINA INDICHI PIANO IMPIANTI ENTRO UN MESE

Discarica di Roccasecca
Discarica di Roccasecca

Il Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti ha firmato l’ordinanza regionale per scongiurare l’emergenza rifiuti

L’emergenza, come noto, scaturisce dal fatto che la società MAD srl, riconducibile all’imprenditore Valter Lozza finito ai domiciliari, insieme al Dirigente regionale Tosini, nell’ambito dell’inchiesta su Monte Carnevale, da oggi 1 aprile non accetta più conferimenti di rifiuti.

Nell’atto, disposto oggi da Zingaretti, viene ordinato alla Provincia di Latina di fornire un piano degli impianti entro 30 giorni. Il Piano degli impianti, nel territorio pontino, è naufragato dopo che il 20 gennaio la conferenza dei sindaci dei 33 comuni aveva individuato Latina e Fondi come le città dove realizzare i due siti di stoccaggio di inerti.

Esiti rigettati, in seguito, dalle amministrazioni e dalle rispettive rappresentanze politiche delle due città sulla pressione delle proteste popolari. A catena è venuto meno il proposito di realizzare, nel suo complesso, tutto il ciclo dei rifiuti pontini compreso gli impianti di lavorazione del rifiuto lontani anch’essi dai radar. In soldoni: tutto è fermo da oltre due mesi.

Oggi, complice la crisi dovuta alla chiusura dei conferimenti nella discarica di Roccasecca (Frosinone) controllata dalla Mad, alla Provincia di Latina viene presentato il conto. Tutti i nodi, com si suol dire, vengono al pettine

Il documento firmato dal Presidente di Zingaretti ordina per la stabilità del complessivo sistema di gestione del ciclo dei rifiuti:

1) A Roma Capitale e ad Ama spa di porre in essere entro il 12 aprile 2021 ogni attività amministrativo-contabile finalizzata ad assicurare i rapporti con soggetti fornitori quali, a titolo non esaustivo: stipula di accordi in ambito interregionale e contratti ulteriori rispetto a quelli vigenti per almeno 100 t/giorno per raggiungere l’autosufficienza impiantistica in termini di trattamento e smaltimento dei rifiuti di Roma Capitale. 

2) Ad AMA spa di porre in essere entro 20 giorni a decorrere dalla notifica della presente ordinanza tutti gli adempimenti per l’avvio della procedura di gara per la selezione di impianti di conferimento all’estero, come già richiesto con ordinanza del 27/11/2019 attraverso il supporto tecnico di Invitalia spa in qualità di Centrale di Committenza di cui ad oggi risultano essere state definite solo le strategie delle procedure da esperire.

3) A Roma Capitale e ad AMA spa di chiarire entro il 15 aprile 2021, relativamente al progetto di revamping del TMB di Rocca Cencia presentato da AMA e Amministrazione giudiziaria E.Giovi, in data 5/3/2021, la propria posizione, anche in considerazione della conferenza dei servizi fissata al 27/4/2021, alla luce della richiamata nota di Roma Capitale del 30/3/2021 con la quale ha manifestato, tra l’altro, la volontà di chiedere la revoca dell’AIA per la parte di trattamento e trasferenza dell’impianto, e nel caso, individuare le soluzioni sostitutive immediatamente percorribili della capacità di trattamento attualmente assorbita dal TMB di Rocca Cencia.

4) A Roma capitale e ad Ama spa entro 30 giorni dalla notifica della presente ordinanza, di trasmettere un piano impiantistico ai fini dell’autosufficienza in termini di trattamento, trasferenza  e smaltimento in cui ci si impegni a realizzare una rete integrata e adeguata di impianti ai sensi dell’art. 182-bis del d.lgs. 152/2006

5) Alla Provincia di Latina entro 30 giorni dalla notifica della presente ordinanza di trasmettere un piano impiantistico ai fini dell’autosufficienza in termini di trattamento, trasferenza e smaltimento in cui ci si impegni a realizzare una rete integrata e adeguata di impianti ai sensi dell’art. 182-bis del d.lgs 152/2006.

Il documento ordina per assicurare la fase del ciclo di gestione dei rifiuti relativa allo smaltimento:

1) Fino alla data del 6 Aprile:

Alla Amministrazione Giudiziaria di E .Giovi nel Comune di Roma gestore degli impianti TMB 1 e 2 di Malagrotta di conferire gli scarti prodotti, pari a 200 t/giorno presso la discarica Ecologia Viterbo, non essendo disponibile alcuna capacità di smaltimento in discarica nel sub ambito di Roma Capitale e non essendo sufficiente quella disponibile nella città Metropolitana di Roma

· Alla Centro Servizi Ambientali (Csa) gestore dell’impianto di trattamento di Castelforte di conferire gli scarti prodotti pari a 100 t/giorno, presso la discarica Ecologia Viterbo, non essendo disponibile alcuna capacità di smaltimento in discarica nell’ATO Latina.

2) A far data dal 7 aprile fino al 12 Aprile 2021

· Alla Amministrazione Giudiziaria di E. Giovi nel Comune di Roma gestore degli impianti TMB 1 e 2 di Malagrotta di conferire gli scarti prodotti pari a 200 t/giorno presso la discarica Ecologia Viterbo, non essendo disponibile alcuna capacità di smaltimento in discarica nel sub ambito di Roma Capitale e non essendo sufficiente quella disponibile nella città Metropolitana di Roma

· Alla Centro Servizi Ambientali gestore dell’impianto di Castelforte di conferire gli scarti prodotti  dall’impianto pari a 100 t/giorno, presso la discarica Ecologia Viterbo, non essendo disponibile alcuna capacità di smaltimento in discarica nell’ATO Latina,

· Alla SaF gestore dell’impianto di TMB di Colfelice (Frosinone) di conferire  gli scarti prodotti pari a 100 t/giorno rispettivamente: 20 t/g presso la discarica Ecologia Viterbo e 80 t/giorno presso la discarica Civitavecchia Fosso Crepacuore, non essendo disponibile alcuna capacità di smaltimento in discarica nell’ATO Frosinone.

3) A far data dal 13 Aprile 2021

· All’Amministrazione Giudiziaria di E. Giovi nel Comune di Roma gestore degli impianti TMB 1 e 2 di Malagrotta, di conferire gli scarti prodotti pari a 100 t/giorno presso la discarica Ecologia Viterbo non essendo disponibile alcuna capacità di smaltimento in discarica nel sub ambito di Roma Capitale e non essendo sufficiente quella disponibile nella città Metropolitana di Roma

. Alla Centro Servizi Ambientali gestore dell’impianto di Castelforte di conferire gli scarti prodotti pari a 100 t/giorno, presso la discarica Ecologia Viterbo, non essendo disponibile alcuna capacità di smaltimento in discarica nell’ATO Latina

· Alla SaF gestore dell’impianto di TMB di Colfelice (FR) di conferire  gli scarti prodotti pari a 140 t/giorno rispettivamente: 100 t/g  presso la discarica Ecologia Viterbo e 40 t/giorno  presso la discarica Civitavecchia Fosso Crepacuore, non essendo disponibile alcuna capacità di smaltimento in discarica nell’ATO Frosinone.

Ai gestori degli impianti di smaltimento MAD srl (Civitavecchia Fosso Crepacuore) ed Ecologia Viterbo srl (Viterbo) di garantire la massima operatività, con turni ulteriori di lavoro anche nei festivi e prefestivi per soddisfare le richieste di smaltimento sopra indicate. Al gestore della discarica  Ecologia Viterbo srl di applicare, in via provvisoria e per il periodo di durata della presente Ordinanza, considerata l’emergenza e l’urgenza e nelle more della fissazione della tariffa da parte della Regione Lazio, la stessa tariffa applicata dalla  MAD di Roccasecca, fatti salvi conguagli. Ad Arpa Lazio di verificare il rispetto delle prescrizioni ordinate.

In caso di inosservanza della presente ordinanza saranno adottate in via sostitutiva dalla Regione tutte le iniziative necessarie a garantirne l’ottemperanza, anche attraverso la successiva individuazione di uno o più soggetti attuatori delle singole prescrizioni, nonché comunicati all’Autorità giudiziaria i responsabili delle condotte omissive e che qualora a seguito dell’attivazione di tali poteri sostitutivi si rendono necessarie deroghe normative, queste saranno oggetto di successivo provvedimento.

La presente ordinanza ha validità fino al 20 aprile 2021.

Articolo precedente

FORNO CREMATORIO A FONDI: FDI DICE NO

Articolo successivo

CONCORSO DEI “FIGLI DI” ALLA ASL DI LATINA: PROSEGUONO INTERROGATORI IN PROCURA

Ultime da Politica