CITTADINI PROTAGONISTI A LATINA SCALO

in Focus

L’incontro di ieri sera all’ex cinema Enal di Latina Scalo ha assunto rilevanza in termini di cittadinanza attiva. Proprio a Latina Scalo, infatti, è attivo un comitato civico che da anni svolge attività di informazione, denuncia e sorveglianza del territorio.

La mancanza di trasparenza nelle amministrazioni degli enti locali è senza dubbio uno dei problemi del nostro tempo, capita spesso infatti che gli atti vengano pubblicati con colpevole ritardo oppure che i cittadini siano costretti a barcamenarsi in siti web istituzionali malfunzionanti o poco funzionali, per non parlare della mancata digitalizzazione di alcuni servizi. Tutti questi fattori rendono la trasparenza amministrativa un’amara speranza.

Presenti all’incontro, oltre al presidente del comitato Marco Gubbioli, Franco Brugnola, ex consigliere di Sabaudia e promotore del comitato cittadino che ha presentato più di 8000 firme per evitare la chiusura del Punto di Pronto Intervento, ora trasformato in Casa della Salute.

Presente anche Giorgio Libralato, storico attivista ambientalista che da anni combatte contro le storture del settore rifiuti della Regione Lazio.

L’INCONTRO

Sia Libralato che Brugnola hanno giustamente ricordato la scarsa informazione che i cittadini ricevono quando gli enti prendono una decisione sia per quanto riguarda un’infrastruttura da costruire oppure semplicemente su un provvedimento adottato.

Franco Brugnola, promotore del Comitato a difesa del PPI di Sabaudia

In particolare Libralato ha citato i dati delle centraline ARPA, secondo i quali l’aria della nostra città è sostanzialmente inquinata, almeno secondo le poche voci pubblicate dall’ente regionale. E i valori delle giornate mancanti all’appello perché non vengono pubblicati? Mistero della fede.

Giorgio Libralato
Giorgio Libralato

A marcare ancora di più la mancanza di informazione ci ha pensato Gubbioli, che ha giustamente citato la presenza di due impianti a rischio SEVESO nel nostro territorio e dei quali davvero in pochi hanno contezza.

IL BIOGAS

Una lotta importante del comitato di Latina Scalo è quella contro l’edificazione, disposta dalla Provincia di Latina, di una centrale anaerobica a Biometano a Viale delle Industrie.

Gubbioli ha aggiornato la platea del fatto che i cittadini aspettano la risposta sull’argomento da parte del TAR del Lazio.

LA QUESTIONE SANITÀ

Nella sanità la mancanza di informazione incide nell’intasamento dei pronto soccorso, a dirlo è stato Tommasina Giuliani, relatrice dell’incontro, che ha ricordato alla cittadinanza presente all’incontro l’esistenza dell’Ambufest.

Se da un lato la Giuliani, che lavora nel settore sanitario, ha ragione quando sottolinea come le esigenze sanitarie di alcuni cittadini dovrebbero essere trattate in visite ambulatoriali (scelta che spesso viene scartata a causa delle lunghe liste d’attesa) e non in regime di pronto soccorso, c’è da aggiungere che la chiusura di alcuni ospedali della provincia potrebbe aver inciso nell’intasamento del Goretti.

Buona affluenza all’incontro di ieri sera

LA PARTECIPAZIONE

Ma se la situazione dell’informazione è questa, come mai i cittadini non partecipano per informarsi? Domanda da un milione di dollari, direbbero gli yankees.

La risposta potrebbe essere ricercata nei mali del nostro tempo: siamo o non siamo in un’epoca in cui i cittadini sono abbattuti e senza speranze?

Leggi anche:
LATINA SCALO E IL SUO COMITATO: STORIA DI LOTTA E PROPOSTE
LISTE D’ATTESA E INTRAMOENIA: A QUANTO AMMONTANO LE ENTRATE DELLA ASL?

Latest from Focus

Torna su