APRILIA, INCENDIO LOAS: TERRA ORDINA IL “LOCKDOWN” NEL RAGGIO DI 2 KM

LOAS srl, Aprilia

Incendio Loas: il Sindaco di Aprilia Antonio Terra firma l’ordinanza con cui chiude le attività commerciali nell’arco di 2 km dal disastro in attesa che gli enti competenti svolgano tutte le necessarie ulteriori verifiche volte ad individuare la portata dell’inquinamento e l’estensione dell’area interessata. I residenti nell’area interessata dovranno allontanarsi dalla propria abitazione e/o mantenere chiuse le finestre, al fine di prevenire il possibile passaggio di inquinanti

Il primo cittadino di Aprilia non attende gli esiti delle rilevazioni Arpa e in via precauzionale firma l’ordinanza in ragione “del potenziale pericolo al quale potrebbe essere esposta la collettività sotto il profilo igienico sanitario, per la possibile presenza di sostanze pericolose derivanti dalle esalazioni dell’incendio, con pregiudizio per la salute della popolazione e dell’ambiente circostante”.

Leggi anche:
DISASTRO LOAS: BRUCIANO I DEPOSITI TRA PROROGHE DELLA PROVINCIA E GUAI GIUDIZIARI

Pertanto, sul territorio del Comune di Aprilia, per un raggio di 2 km dalla sede dell’incendio ci saranno nell’ordine le seguenti limitazioni.

  1. il divieto di raccolta, vendita e consumo di prodotti vegetali quali frutta e verdura, nonché tutti i prodotti
    di origine animale (latte e derivati) provenienti dall’area come sopra individuata;
  2. il divieto, in via precauzionale, di effettuare pascoli itineranti e l’obbligo di mantenere gli animali da cortile “in stabulazione chiusa”;
  3. la chiusura delle eventuali attività commerciali presenti nella zona;
  4. alla popolazione residente nell’area interessata di allontanarsi dalla propria abitazione e/o di mantenere chiuse le finestre, al fine di prevenire il possibile passaggio di inquinanti, compresi gli impianti di
    areazione forzata;
  5. di provvedere al lavaggio, esclusivamente con acqua, delle superfici esterne ed oggetto di accumulo di polveri, evitando getti che possano rimettere in circolo le medesime e la sostituzione/manutenzione dei filtri e il lavaggio delle condotte negli impianti di condizionamento o areazione forzata;

Inoltre, nell’area compresa tra i 2 e 3 km dalla zona dove è avvenuto l’incendio dei depositi della LOAS srl, è stabilita l’adozione delle seguenti misure precauzionali:

  1. tenere sotto stretta osservazione i sistemi di filtraggio della climatizzazione nelle attività produttive e commerciali;
  2. di invitare la popolazione a rimanere chiusa in casa;
  3. di indossare le mascherine all’aperto;
  4. di accudire gli animali da stalla;
  5. di vietare la raccolta, la vendita e il consumo dei prodotti agroalimentari.
Itri
Articolo precedente

ITRI, BILANCIO DI PREVISIONE: UNO DEI PIÙ DIBATTUTI DEGLI ULTIMI ANNI

Prossimo articolo

TERRACINA: LIBERATA SPIAGGIA DA 1500 MQ OCCUPATA ABUSIVAMENTE

Latest from Same Tags