SONNINO.”T’ARECURDE TU?”, A 10 ANNI DALLA TRAGICA SCOMPARSA DI LUCA ANTONIO DI CASTRO

Andrea Madeccia in un fermo immagine del video "T'Arecurde tu?" (www.youTube. com).

La notte del 29 maggio 2010 nei pressi della Stazione di Sonnino, il 22enne Luca Antonio Di Castro volò per 25 metri da un muretto a strapiombo delle autolinee. Il ragazzo aveva la passione della musica e suonava il basso nel gruppo “Scincios”, una band blues, folk e rock n’ roll che in quel periodo si era esibita in vari concerti in provincia di Latina e Frosinone. Luca Antonio stava per laurearsi in Antropologia presso l’Università degli Studi di Roma “Sapienza” e sul caso la Procura della Repubblica presso il Tribunale dei minori di Roma indagò per qualche tempo sull’accaduto, archiviando successivamente il fatto come incidente. Migliaia di persone parteciparono ai funerali di Di Castro tenutisi alla Chiesa di San Pietro e fino al 2013 gli fu intitolato il premio del festival musicale sonninese, oggi rinominato “Pirati Lunari Music Festival”.

Luca Antonio Di Castro, il giovane cantautore scomparso nel 2010

A dieci anni dalla scomparsa del giovane studente lo ricorda ora il cantautore folk di Sonnino Andrea Madeccia in una bella canzone in dialetto “T’Arecurde tu?” (vedi link al video su YouTube). Nel testo Madeccia ricorda le passeggiate, le nottate passate a sognare, le serate trascorse a scrivere canzoni, i momenti e le emozioni condivise con l’amico.

Andrea Madeccia durante le riprese del video Sonnino (Fero de Cavaglio)

Andrea Madeccia, come riportato nella sua biografia su musicultura.it, è nato a Sonnino nel 1988 e dall’età di 12 anni cerca di fare della musica il proprio mestiere. Suona ogni genere e in qualsiasi lingua, come testimoniato dall’album folk/rock in dialetto sonninese uscito nel 2018 e intitolato Radici. Radici è un disco poliedrico in cui si sono contenute ballate in stile irish a mazurke in versione metal. Su YouTube è possibile ascoltare del giovane sonninese La Luna, video girato a Piazza Venezia, Sonnino (Fero de Cavaglio), Jo celo d’Erlanda e Cumme te muve te cuce. Ricca è la sua produzione rinvenibile anche su Spotify.

attentato-auto-latina
Articolo precedente

OPERAZIONE BELLAVISTA, DROGA E BOMBE A LATINA: DI GIORGIO IN SILENZIO, CAMBRIA NEGA

Prossimo articolo

RIAPRE L'UFFICIO IMMIGRAZIONE DELLA QUESTURA DI LATINA

Latest from Same Tags