SANITÀ. AGGRESSIONI AL PERSONALE DEGLI OSPEDALI: ARRIVA IL TESTO DI LEGGE

Aggressioni2

Arriva un disegno di legge passato all’unanimità in Commissione Sanità al Senato della Repubblica per contrastare le aggressioni al personale sanitario che, anche in provincia di Latina, sono diventate un tema d’attualità

blog-mediciA ragguagliare sul tema è un post, pubblicato oggi sul blog del Movimento 5 Stelle, che spiega:Abbiamo perfezionato il testo di legge in tema di sicurezza per gli operatori sanitari, introducendo un inasprimento delle pene e, in particolare, la procedibilità d’ufficio con denuncia automatica anche senza querela della persona offesa. Approvato all’unanimità, il testo giace ora alla Camera dove auspichiamo che non sarà presentata alcuna ulteriore proposta di modifica. Per questo rivolgiamo il nostro appello a tutte le forze politiche rappresentate alla Camera dei deputati, affinché la questione non diventi un tema sul quale ciascuno voglia apporre la propria bandierina, generando un’ulteriore perdita di tempo che equivarrebbe a continuare a mettere a repentaglio la sicurezza di chi è impegnato ogni giorno a salvare vite umane“.

Nicola Calandrini
Nicola Calandrini, senatore di Fratelli d’Italia e consigliere al Comune di Latina

Un argomento molto sensibile e grave che è ormai diventato un caso nazionale. E la provincia di Latina non fa difetto, anzi. Il 20 giugno, il senatore di Latina Nicola Calandrini (Fratelli d’Italia) aveva presentato, considerato il perpetuarsi degli episodi di aggressione o vandalismi dentro le strutture sanitarie in provincia, un atto di sindacato ispettivo al Ministro della Salute in cui evidenziava la gravità e la quasi sistematicità delle violenze in ambito sanitario.

Calandrini, nella sua interrogazione di giugno, citava due casi “verificatisi in provincia di Latina: nella notte tra il 7 e l’8 giugno 2019 presso il pronto soccorso dell’ospedale “Santa Maria Goretti”, un soggetto richiedente cura ed assistenza ha aggredito brutalmente un operatore medico e un’infermiera di turno, danneggiando altresì un costoso apparecchio elettromedicale; e ancora, il 15 giugno, presso il pronto soccorso dell’ospedale “San Giovanni di Dio” di Fondi, un paziente al culmine di una crescente azione violenta, ha sferrato un paio di cinghiate, una di queste in pieno volto, al medico di turno”.

Ppi sezze vandalizzato dal 39enne
Un’immagine del Ppi di Sezze vandalizzato nella mattina del 6 agosto

Ad agosto l’assessore alla Sanità e l’Integrazione Sociosanitaria della Regione Lazio, Alessio D’Amato rilasciò un duro comunicato sul tema dopo un’aggressione avvenuta in un Pronto Soccorso a Roma. Proprio negli stessi giorni di agosto un 39enne, Fabrizio Millozza, in stato di alterazione psico fisica, si era recato presso il punto di primo intervento del locale ospedale civile “Casa della Salute di Sezze”, dove, senza motivo, aveva iniziato ad inveire contro il personale sanitario presente danneggiando suppellettili e strumentazioni varie rendendo così temporaneamente non operativa la struttura di primo soccorso.

E da ultimo, è il caso del cittadino di origine nigeriana che, nella notte tra il 23 e il 24 dicembre, si è scagliato contro il mobilio del Pronto Soccorso del Goretti, minacciando il personale sanitario.

Delfino
Articolo precedente

MINTURNO. SPIAGGIATO UN DELFINO AL LIDO: TIMORI PER UN ALTRO CASO DI MORBILLOVIRUS

sentiero guru nanak
Prossimo articolo

LATINA. SENTIERO DEL PARCO IN Q4/Q5: PARTE LA RACCOLTA FONDI

Latest from Same Tags