SABAUDIA, DOPO MAMMUCARI ARRIVA CRUCIANI A FOMENTARE GLI INDIGNADOS

Si apre stasera una tre giorni di dibattiti organizzata dalla testata nazionale TPI in occasione del TPI FEST a Sabaudia.
Pare proprio che chi ha organizzato l’estate della città, abbia seguito la volontà di spingere su personaggi capaci di accentuare le differenze. E di produrre polemiche. Come per Teo Mammucari.

CRUCIANI E GLI OSPITI

Si inizia stasera alle 21.30, in Piazza del Comune, con un dibattito sull’Unione Europea a cui prenderanno parte Giuseppe Cruciani e David Parenzo, conduttori del famoso programma radiofonico La Zanzara in onda su Radio24, il giornalista di LA7 Luca Telese e il direttore delle Strategie e dello Sviluppo dell’informazione Mediaset Mario Giordano

Mario Giordano e Luca Telese

LA ZANZARA

In questi giorni ha generato un’aspra polemica l’intervento di Teo Mammucari durante il “Festival della Commedia Italiana” di Sabaudia

Il comico di Velletri, con il suo consueto stile politicamente scorretto, ha preso di mira pesantemente il sindaco di Sabaudia Giada Gervasi e il pubblico presente, generando indignazione e riprovazione.

Bene, se vi aspettate che questa sera ci sia un dibattito moderato toglietevelo dalla testa: Cruciani, Parenzo, Telese e Mario Giordano hanno già dato vita in radio a discussioni che sfociavano nella demagogia più completa, ricreando le situazioni di infotainment tanto care ad Howard Stern.

La Zanzara, più di tutti, è un programma che ha una precisa linea editoriale: le discussioni vengono volutamente estremizzate per polarizzare le opinioni, contribuendo a innalzare un continuo muro contro muro tra i radioascoltatori favorevoli a Cruciani da un lato e la “maggioranza silenziosa” che parteggia per Parenzo dall’altro, spingendo deliberatamente sugli istinti della pancia, riducendo la complessità, emarginando l’elaborazione critica. La trasmissione La Zanzara segue un iter standardizzato: titoli dei principali telegiornali su cui imbastire un dibattito, interviste a numerosi ospiti, improbabili o meno, e commenti ai fatti del giorno con i protagonisti della vita politica italiana corroborati dall’intervento telefonico dei radioascoltatori. Per carità, nessun giudizio moralistico. È la comunicazione, almeno quella dei tempi che viviamo. Ma è bene che si sappia, prima di assistere a una situazione grottesca come in occasione dell’intervento di Teo Mammucari inserito in un quadro sostanzialmente piatto e calmo e, dunque, giudicato fuori luogo e destabilizzante quando ha fatto quello che fa da sempre con la sua prassi comica: insultare e maltrattare ospiti e pubblico.

Ad ogni modo, il programma di Cruciani e Parenzo è senza dubbio di successo. Ha ricevuto nel 2008 il premio Grolla d’Oro come migliore trasmissione della sera durante il Premio Casinò di Saint-Vincent per la radio. Nel 2011, 2012, 2014, 2015 e 2016 il programma ha vinto il premio Cuffia d’Oro, dedicato alle migliori trasmissioni radiofoniche.

Nel 2013 è stato riconosciuto ai conduttori l’Ambrogino d’Oro, l’onorificenza rilasciata dal Comune di Milano.

I PERSONAGGI

I due conduttori rappresentano il dualismo Destra-Sinistra, interprendando quindi i personaggi del politicamente scorretto destroide e del radical chic proveniente dal centro sinistra pro immigrazione.

David Parenzo e Giuseppe Cruciani

Una cosa è certa: questa sera a Sabaudia non ci si annoierà ad ascoltare l’evento organizzato da TPI. Come per Mammucari, se si invitano un certo tipo di personaggi, evidentemente è su un certo tipo di comicità o giornalismo che si vuole insistere. I cittadini di Sabaudia sono avvertiti. E mercoledì ci sarà la chiusura della tre giorni con Laura Boldrini e Daniela Santanchè, insomma altro che noia a Sabaudia come ha detto Mammuccari. Per la qualità del dibattito, invece, bene ma non benissimo.