NO AL FORNO CREMATORIO A FONDI. NASCE UN GRUPPO SPONTANEO DI CITTADINI

NO FORNO

Un gruppo di cittadini di Fondi e la questione del forno crematorio: timori per le emissioni e la location della struttura vicina a luoghi delicati

Sosteniamo la lotta di civiltà ingaggiata dal comitato Pro-ospedale contro lo scellerato ridimensionamento del “San Giovanni Di Dio”. Allo stesso modo, siamo sconcertati dal silenzio calato sulla volontà dell’Amministrazione comunale di realizzare un forno crematorio nel cimitero di Fondi“.

Così inizia la nota del gruppo spontaneo di cittadini di FondiNoForno.

Cimitero di Fondi
Cimitero di Fondi

Sono trascorse, ormai, tre settimane dalla pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale del bando di gara per la progettazione, la costruzione e la gestione dell’impianto, e nessuno – consiglieri di opposizione, partiti politici, candidati a sindaco – si è espresso al riguardo. Possibile che siano tutti d’accordo? Possibile che debbano essere dei semplici cittadini a stimolare una discussione su un tema così delicato, alla vigilia, peraltro, di una campagna elettorale?

PROBLEMI DI LOCATION – “La cremazione è una scelta etica che rispettiamo; ciò che ci preoccupa sono i crematori che sorgono contro la legge: cioè, a pochi metri dalle case, dalle attività commerciali e, soprattutto, dai luoghi frequentati dai bambini. C’è una ludoteca a 200 metri dal cimitero! Chi, come molti di noi, abita o lavora sulla Provinciale per Lenola, in via Ponte Gagliardo, in Via Sciobaco, ma anche in via Mola Santa Maria, in via Capodacqua o in via Del Laghetto, può comprendere le ragioni della nostra angoscia“.

Salvatore De Meo
Il Sindaco di Fondi Salvatore De Meo: di recente è stato sostituito da Beniamino Maschietto

TIMORI PER LE EMISSIONI ODORIGENE – “Per quanto oggi gli impianti siano all’avanguardia, non esistono forni a impatto zero e sulle loro emissioni nell’aria la comunità scientifica resta prudente. Perché, allora, esporre i residenti a un potenziale pericolo ambientale? È un’opera davvero necessaria? E perché il sindaco Salvatore De Meo non ha sentito l’esigenza di coinvolgerci? Esistono, forse, fondani di serie A e fondani di serie B?”  

PERCHÈ PROPRIO A FONDI?Il problema, però, non dovrebbe riguardare solo chi si trova nei pressi del cimitero, ma l’intera comunità. Su una popolazione di quasi 40.000 abitanti, Fondi ha un tasso di mortalità dello 0,6%, con circa 330 decessi l’anno. Di questi solo una piccolissima parte sceglie la cremazione, rivolgendosi ai forni di Roma, di Civitavecchia, di Viterbo o presenti in altre Regioni, come la Campania. Che senso ha, allora, istallare un crematorio per poche decide di salme? Se anche tutti, ma proprio tutti, i nostri cari defunti fossero avviati alla cremazione, il numero sarebbe comunque insufficiente a sostenere i costi di un impianto, che deve incenerire migliaia di salme l’anno. Ciò spingerà il privato investitore a trasformare Fondi nel crematorio del Basso pontino“.

TURISMO FUNEBRE – “Insomma, chi governa la città, con il silenzio complice di politici e amministratori, anziché difendere la salute dei suoi cittadini, il commercio, le produzioni agricole e il turismo balneare, oggi in crisi, intende promuovere un turismo funebre che arricchirebbe solo un privato e i suoi difensori d’ufficio“.

Ponza
Articolo precedente

PONZA, CHIAIA DI LUNA. LOTTIZZAZIONE ABUSIVA: SCATTA LA PRESCRIZIONE E SALTA LA CONFISCA DEI BENI

Piazza del Popolo
Prossimo articolo

LA "NUOVA" PIAZZA DEL POPOLO A LATINA

Latest from Same Tags