MORTE DI JLENIA MACARI. IL SINDACO DI SPIGNO CHIEDE INCONTRO A REGIONE E ASTRAL: “FORMIA-CASSINO È UN TRIBUTO DI SANGUE”

Jlenia Macari
Jlenia Macari

Dopo l’incidente stradale che ha visto morire Jlenia Macari, il sindaco di Spigno Saturnia chiede a Regione e Astral di convocare con urgenza un tavolo istituzionale

Mercoledì sera Jlenia Macari, 46 anni di Esperia, è stata vittima di un tragico incidente stradale sulla stessa arteria, la Formia-Cassino, dove anni prima morì anche il fratello. Sulla sua Citroen, Jlenia è morta sulla strada tra i territori di Spigno Saturnia e Minturno. Un incidente che ha coinvolto tre auto.

Oggi, il sindaco di Spigno Saturnia, Salvatore Vento, alla luce dell’ennesimo incidente mortale avvenuto nel territorio del Comune dove è primo cittadino, chiede “per l’ennesima volta ad Astral spa e alla Regione Lazio di convocare un tavolo istituzionale per affrontare le gravi criticità in termini strutturali e di sicurezza stradale della SR 630 “Ausonia“.

Salvatore Vento
Salvatore Vento

La situazione precipita in modo incontrollato – commenta il primo cittadino spignese – I dati del CEREMSS Lazio, aggiornati al 2017, ci descrivono una strada dove mensilmente si versa un tributo di sangue. Scarsa manutenzione e problemi strutturali non possono essere affrontanti con interventi a macchia, ma bisogna programmare seriamente, e celermente, immediate azioni volte a garantire una maggiore sicurezza di tutta la chilometrica. Ritengo che i comuni percorsi da questa arteria stradale, devono confrontarsi in modo deciso con il gestore e la Regione, e che questo non sia più rinviabile“. 

Vento ha predisposto una missiva per chiedere il tavolo istituzionale indirizzata al vertice di Astral, ai sindaci di Formia, Minturno, Cassino e degli altri comuni del frusinate interessati dalla strada. Tra i destinatari dell’appello anche l’Assessore regionale ai Trasporti Mauro Alessandri, la Direzione Regionale Infrastrutture e Mobilità e l’Osservatorio per l’educazione stradale e la sicurezza della circolazione – Area Reti Infrastrutturali.

Alcuni passeggeri a bordo della Costa Smeralda in attesa di sbarcare (foto Rainews)
Articolo precedente

SOSPETTO CORONAVIRUS SULLA NAVE. A BORDO UNA DONNA DI TERRACINA: "PAURA E STRESS"

Volantino-seveso
Prossimo articolo

APRILIA. IL DIBATTITO PUBBLICO SUL "RISCHIO INDUSTRIALE" DELLA RECORDATI

Latest from Same Tags