MEME ANTISEMITA: EX CANDIDATO A FONDI DENUNCIATO PER PROPAGANDA RAZZISTA

SOCIAL

Antisemitismo al tempo dei social: ad essere denunciato l’ex candidato per una lista civica al consiglio comunale di Fondi

Identificato dalla Polizia postale e delle Comunicazioni in collaborazione con la Direzione Centrale della Polizia di Prevenzione e la Digos di Latina l’autore del meme antisemita “Trappola per ebrei”, in cui viene rappresentato un forno da cucina aperto con dentro alcune banconote e la frase incriminata.

Uno dei post di D’Adamo (è stata oscurata l’immagine incriminata)

Grazie alle attività investigative individuato sulla piattaforma Vk.com anche un altro internauta, 57 anni, residente nello stesso capoluogo di provincia, per la presenza all’interno del proprio account di numerosi post ed immagini dai quali emerge il medesimo orientamento. La piattaforma Vk.com, a differenza di altre sui social, fa pubblicare praticamente di tutto ed è molto in voga nell’estrema destra.

Cristian D'Adamo
Cristian D’Adamo

L’autore del meme, secondo gli inquirenti, soprannominato nel profilo Twitter come “Cristian d’Adamo”, ex responsabile della sezione Forza Nuova di Fondi, si era candidato a consigliere comunale alle passate elezioni nel comune in provincia di Latina in una lista civica ed era già stato segnalato dall’Anpi per aver postato immagini che lo raffiguravano con il saluto romano, nonché simboli neonazisti e fascisti che lo associano agli ambienti ultrà di estrema destra della tifoseria calcistica SS Lazio.

Leggi anche:
ELEZIONI A FONDI, BUFERA SUL CANDIDATO “NAZISKIN, OMOFOBO, ANTISEMITA E XENOFOBO”. ANPI A MASTROBATTISTA: “ESPELLILO”

Gli elementi probatori acquisiti nei confronti degli indagati, dunque, hanno portato all’esecuzione di un decreto di perquisizione personale, locale ed informatica all’esito del quale entrambi hanno confermato di essere gli autori dei post oggetto di investigazione. Sono stati sequestrati vari dispositivi informatici, sui quali verranno effettuati ulteriori approfondimenti tecnici, nonché due portatessere e placche riportanti la scritta Polizia di Stato. Gli indagati sono stati deferiti alla competente Autorità Giudiziaria per il reato di propaganda ed istigazione a delinquere per motivi di discriminazione razziale etnica e religiosa, ex art 604 bis c.p.

Leggi anche:
ELEZIONI FONDI: GIORGIA MELONI NON VERRÀ A CAUSA DI D’ADAMO. MASTROBATTISTA: “LA PRESERVO DA STRUMENTALIZZAZIONI”

DeA_Libriamoci
Articolo precedente

PIÙ LIBRI PIÙ LIBERI: LO SCRITTORE PONTINO AMITRANO OSPITE DEGLI ISTITUTI "DE AMICIS" DI MILANO

tamponi-driveiN
Prossimo articolo

COVID-19: ANCHE CORI HA IL SUO DRIVE-IN PER ALUNNI E PERSONALE SCOLASTICO

Latest from Same Tags