IL COMUNE DI LATINA FA IL BILANCIO DEL POST FASE 1: BUONO SPESA, SOLIDARIETÀ E CONTROLLI

/
La conferenza stampa tenuta in Sala De Pasquale dalla Giunta Coletta
La conferenza stampa tenuta in Sala De Pasquale dalla Giunta Coletta

Bilancio finale della Fase 1 per il Comune di Latina. “Abbiamo dimostrato di essere una vera e propria squadra” – dice il Sindaco Damiano Coletta

Bilancio finale del Comune di Latina relativo alla gestione della cosiddetta Fase 1 dell’emergenza legata al Covid-19. Una sfida eccezionale che ha richiesto strategie di risposta che hanno coinvolto, oltre all’amministrazione, anche l’intera comunità. Sono stati raggiunti risultati importanti, grazie a requisiti organizzativi e di metodo preesistenti capaci di elaborare e rendere concrete le risposte alle diverse istanze di sicurezza. In più, le risposte sono state pensate per essere, oltre che le più veloci possibile, anche orientate verso il futuro.

Ecco le cifre.

BUONO SPESA – Per i buoni in aiuto delle famiglie in difficoltà, il Comune ha ricevuto 4529 domande, di cui il 18% non presentava i requisiti richieste secondo le normative nazionali e regionali. Il totale dei beneficiari è stato di 8814 persine, di cui 6227 adulti e 2547 minori. Oltre il 90% dei richiedenti è residente a Latina, il 16,3% si riferisce a nuclei famigliari già in carico ai servizi sociali.

SPESA SOLIDALE – 1406 le spese solidali consegnate di cui 243 a single, 1078 a nuclei famigliari, 85 a monoparentali. In tutto 3887 le persone assistite, di cui 1123 minori.

POLIZIA LOCALE – In tutto, durante la fase 1, gli agenti della Municipale hanno controllato 4862 e 2030 attività commerciali.

PROTEZIONE CIVILE – Tante le attività svolte: affiancamento attività di triage Croce Rossa presso il Dormitorio; supporto Croce Rossa per attività di preparazione e distribuzione pacchi alimentari; supporto attività di distribuzione pasti mense, Caritas e comunale; ritiro consegna presidi Dpi a strutture sanitarie; supporto alla popolazione per informativa nomer di comportamento e corretta fruizione spazi pubblici; supporto attività di Polizia locale per controllo accessi zona Pub; allestimento magazzini derrate alimentari.

Abbiamo dimostrato di saper essere squadra – dice in tono auto-celebrativo il Sindaco Damiano Colettae di aver saputo affrontare insieme il periodo più difficile per il Paese e per la città dal dopoguerra. Ricorderemo a lungo quello che siamo riusciti a fare, tutti insieme durante la Fase 1: oltre ai sacrifici, che sono stati tantissimi, credo sia giusto sottolineare la disponibilità e la generosità che sono stati il piacevole leit motiv delle nostre giornate. E sono davvero orgoglioso di come tutta l’amministrazione abbia saputo rispondere prontamente, è un onore poter rappresentare questa comunità, che ringrazio sempre per la sensibilità e la responsabilità dimostrata».

Ad intervenire, durante la conferenza stampa, anche il vice Sindaco, Assessora alla Polizia Locale e alla Protezione Civile, Maria Paola Briganti: “La rimodulazione della struttura del Centro Operativo Comunale dà concreta rappresentazione della padronanza degli strumenti organizzativi. Il Coc è stato rimodulato per ripartire ambiti di intervento (Dispositivi di Sicurezza, Gestione dei Volontari di Protezione Civile) all’interno di un coordinamento che raccoglieva istanze dagli altri servizi dell’Ente e dai cittadini. Gli agenti della nostra Polizia Locale hanno risposto in presenza fisica per tutta la durata della prima difficilissima fase, con coraggio, abnegazione e senso del dovere. Spesso al loro fianco le Associazioni della Protezione Civile Comunale  che hanno riconvertito la loro esperienza di volontariato, in forme originali di sostegno alla popolazione. Non possiamo dimenticare tutto il mondo che abbiamo scoperto e che si è scoperto nella solidarietà fattiva e nella partecipazione spontanea con il quale la nostra città ha misurato la generosità di risorse, economiche e non, della nostra città: referenti di quartiere, associazioni che hanno riconvertito i loro interessi e le loro risorse, imprenditori piccoli e grandi che hanno messo messo a disposizione le loro aziende, professionisti le loro capacità, privati cittadini il loro tempo e spesso la loro utilissima fantasia“.

L’Assessora al Welfare, Patrizia Ciccarelli, ha messo in risalto il ruolo dei servizi sociali: “Abbiamo garantito la massima celerità nell’avvio delle procedure per l’impiego delle risorse messe a disposizione dalla Protezione Civile Nazionale  (777 mila euro) e dalla Regione Lazio (503 mila euro), pubblicando dopo solo tre giorni dallo stanziamento dei fondi, l’avviso rivolto alla cittadinanza per la richiesta di erogazione dei buoni spesa attraverso l’accredito del contributo sulla tessera sanitaria . L’avviso si è chiuso il 24 maggio raggiungendo circa 9 mila persone. Abbiamo sempre condiviso nel Comitato dei Sindaci del distretto socio-sanitario LT2 scelte ed indirizzi in modo che non si registrassero difformità negli interventi. Nessuno è rimasto indietro perché abbiamo garantito risposte anche ai non residenti, ai senza dimora, alle persone in situazioni di grande marginalitàSiamo stati fra i pochissimi comuni nel Lazio e in Italia a non aver chiuso i dormitori, aumentandone la durata nel tempo e, durante il lockdown, estendendo l’orario di apertura da 13 a 16 ore giornaliere. Possiamo dire con orgoglio che questa esperienza ci ha consentito di dotarci di una infrastruttura innovativa che risulterà  utilissima anche nel futuro per gestire erogazioni di contributi anche di grossa entità attraverso procedure tempestive trasparenti e sostenibili anche da un punto di vista amministrativo perché totalmente informatizzate“.

A destra il, Sindaco di Aprilia Antonio Terra
Articolo precedente

BUCO MILIONARIO AL COMUNE DI APRILIA, I GRILLINI: ANNI DI SOTTOVALUTAZIONI E SUPERFICIALITÀ

Vacanze-estate-Coronavirus-bonus-640x342
Prossimo articolo

BONUS VACANZE: ECCO COME FUNZIONA

Latest from Same Tags