I fiori di Monte Inferno
I fiori di Monte Inferno

“I FIORI DI MONTE INFERNO”: ECCO IL LIBRO SUL DOCUMENTARIO DEDICATO ALLA DISCARICA DI BORGO MONTELLO

in Attualità

Mercoledì 8 luglio alle 18 Italia Nostra Sezione di Latina, in collaborazione con il circolo Arci Sottoscala9, presenta un evento multimediale, incentrato sull’ultimo lavoro di Patrizia Santangeli: “I Fiori di Monte Inferno

I Fiori di Monte Inferno – come si legge sul sito dell’autrice – contiene gli appunti scritti durante le riprese del documentario (ndr: “Monte Inferno”, che racconta la discarica di Borgo Montello) e i racconti di alcuni componenti della famiglia Giorgi, protagonista del documentario.

Monte Inferno è il racconto di un posto segnato dalla presenza di una discarica, quella di Borgo Montello. Un documentario sulla solitudine di chi vive ai margini della montagna di spazzatura e sulla speranza che solo l’umanità e la natura sanno dare.

Tutto è iniziato qualche anno fa – dichiara l’autrice – quando decisi di raccontare in un film documentario la storia di un territorio dominato da una discarica e le persone che vi abitavano. Era il 2013 e non immaginavo che quel film sarebbe diventato un progetto che ancora oggi sembra non finire. Dopo il documentario, infatti, hanno preso forma una serie di strumenti conoscitivi del luogo e della sua anima e “I fiori di Monte Inferno” ne è un esempio, l’ultimo in ordine di tempo. Si tratta del quaderno scritto ai tempi delle riprese, un intimo compagno di viaggio e custode della memoria che vi propongo in una veste impreziosita oggi da nuovi contributi creati da alcuni dei protagonisti del film“.

Martina, Francesca, Marco, Daniele e Stefano hanno scritto le storie di dieci fiori che – sostiene Patrizia Santangeli – ho preso in prestito dalle loro serre e ho scansionato. La prefazione è di Don Ciotti che da anni si batte affinché venga fatta giustizia sull’omicidio di Don Cesare Boschin ucciso 25 anni fa dalla camorra“.

Leggi anche:
QUEL CHE RIMANE DI DON CESARE BOSCHIN, TRA “CHI L’HA VISTO” E UNA GIUSTIZIA IMPOSSIBILE

Patrizia – scrive Don Ciotti – ci fa capire, nel racconto della sua esperienza, come l’arte possa svolgere un ruolo determinante nella costruzione di verità e giustizia quando, come nel suo caso, è capace di coniugare l’estetica con l’etica, la ricerca del Bello e la ricerca del Vero come facce di una stessa medaglia, come espressione di una vita che si rigenera e si rinnova“.

L’evento di mercoledì 8 luglio è all’aperto, sotto gli ulivi, presso la sede del circolo Arci Sottoscala9. Per ottemperare alle misure del distanziamento è necessario comunicare in anticipo la presenza ed essere muniti di mascherina.

Come evento organizzato da Italia Nostra non è necessario fare la tessera ARCI. Per chi eventualmente volesse dare un contributo al Circolo Sottoscala 9, la tessera ha un costo di € 5.00.

Dopo la presentazione, ci sarà spazio per un aperitivo con tagliere vegetariano o oppure una  cena semplice. Le consumazioni sono a carico degli intervenuti.

La foto del giovane cuoco Davide De Mauri
La foto del giovane cuoco Davide De Mauri

Latest from Attualità

Torna su