DELITTO IRRISOLTO DI FERDINANDO “IL BELLO”: ANTIMAFIA CHIEDE 2 ARRESTI

autobomba
La macchina carbonizzata a Capoportiere (da Il Messaggero)

Autobomba a Capo Portiere: a quasi 18 anni di distanza dall’omicidio di Ferdinando Di Silvio detto Il Bello l’Antimafia prova a inchiodare i respondabili

Sarebbero due le richieste di arresto per il più efferato delitto della storia criminale di Latina: l’autobomba che il 9 luglio 2003 fece saltare in aria Ferdinando Di Silvio detto Il Bello, figlio di uno dei due capostipiti della nota famiglia rom (leggi di seguito l’approfondimento della sua vicenda divisa in due parti).

Leggi anche:
IL DELITTO IRRISOLTO DI FERDINANDO “IL BELLO” DI SILVIO: CHI LO HA UCCISO E PERCHÈ?

L’Antimafia, infatti, avrebbe chiesto le misure di custodia cautelare in carcere per due noti pregiudicati di Latina: Fabrizio Marchetto, di recente arrestato e poi scarcerato per l’inchiesta “Tacita Muta”, e Carlo Maricca. Ad essere coinvolti ci sarebbero anche altri due uomini, più un terzo che però non ha nulla a che vedere con l’omicidio de Il Bello ma rientra in un’inchiesta – associazione per delinquere e omicidio (non quello de Il Bello) – più complessiva che riguarda tutti i predetti cinque. Sono, in sostanza, i quattro nomi succitati, le stesse persone che indagò il pm Raffaella Falcione 17 anni fa, la quale, prima di archiviare tutto, parlò in riferimento all’autobomba come di un episodio da “criminalità di spessore“.

Il giudice delle indagini preliminari ha però negato gli arresti per i due latinensi e per questo gli inquirenti hanno fatto ricorso al Tribunale del Riesame di Roma che si dovrebbe discutere il prossimo 23 febbraio.

La storia dell’uccisione de Il Bello è molto controversa: meno di un mese prima che Ferdinando Di Silvio esplose in aria, Luca Troiani, suo cognato, il 21 giugno 2003, aveva subito una ritorsione. Otto anni di reclusione fu la condanna che il collegio dei giudici del Tribunale di Latina emise a carico di Fabrizio Marchetto, l’uomo che sparò tre colpi di pistola contro l’allora 32enne Troiani gambizzandolo. 18 giorni dopo, deflagrò l’auto e si portò via Il Bello che all’epoca, uscito dal carcere per altri reati, lavorava come parcheggiatore al Lido di Latina inserito nella cooperativa sociale “Il Gabbiano”.

Marchetto, sette anni dopo, nel 2010, durante la cosiddetta guerra criminale fu vittima di un agguato per mano dei Ciarelli/Di Silvio. Un episodio che però non ha mai trovato definitivo chiarimento.

La vicenda di Maricca è più controversa. Sin dalle intercettazioni inserite nell’inchiesta che portò al Processo Caronte, i Di Silvio parlavano di lui come un obiettivo ma dicevano che all’epoca sarebbe scappato in Romania per evitare conseguenze più gravi.

A distanza di anni, dopo il pentimento di Renato Pugliese, il figlio di Costantino “Cha Cha” Di Silvio, e Agostino Riccardo, il nome di Maricca, ad ora gestore di un maneggio a Latina, è più volte riaffiorato, anche durante le udienze del processo “Alba Pontina” in corso di svolgimento presso il Tribunale di Latina. E ogni volta che il suo nome veniva citato in Aula, i pm hanno bloccato i pentiti. La ragione è che c’è un’inchiesta per l’omicidio di Ferdinando Di Silvio che, nonostante siano passati quasi venti anni, non può andare in prescrizione. Per i Di Silvio il responsabile della morte de Il Bello sarebbe il gruppo riferibile a Maricca.

Doveva morire anche Carlo Maricca per quello che aveva fatto in precedenza…quando ha saputo che c’era questa guerra in atto lui, a quanto mi ha detto Armando Di Silvio, è scappato in Romania per tempo…è uno scaltro, è un viscido” – ha sostenuto Pugliese nel corso di un’udienza di Alba Pontina, riferendosi al 2010 quando era in corso la guerra criminale, aggiungendo che l’avrebbe voluto morto per “una truffa che facemmo al fratello di Giacomo Paniccia che stava con lui”.

Articolo precedente

TRAVOLTI DA UN’AUTO PIRATA: UN MORTO E UN FERITO GRAVE

Articolo successivo

INTOSSICATA DAL GAS L’EX ASSESSORE DI FORMIA PRENNER. ERA CON VALERIO MASSIMO MANFREDI

Ultime da Cronaca