CISTERNA. SOGGIOGATO DA COMPAGNA E PADRE DI LEI. POI GLI PROVOCANO LO SCOPPIO DEL BULBO OCULARE: ALLONTANATI

violenza psicologica

Violenza di un padre e una figlia nei confronti di un uomo a Cisterna

Nella giornata di ieri, la Polizia ha dato esecuzione a due misure cautelari personali, consistenti nell’allontanamento dalla casa familiare e divieto di avvicinamento alla vittima, in un raggio di 500 metri.

Destinatari delle misure sono due cittadini ucraini, padre e figlia di 80 e 55 anni, da tempo conviventi a Cisterna di Latina con un cittadino del posto, con il quale la donna aveva intrapreso una relazione sentimentale
Le indagini svolte dagli agenti del Commissariato Distaccato di Polizia di Cisterna – coordinati dal Sostituto Procuratore Martina Taglione – hanno fatto emergere un grave scenario, connotato da angherie, violenze fisiche e psicologiche, attuato dai due cittadini ucraini ai danni dell’uomo, costituito da aggressioni verbali gravemente ingiuriose, isolamento dal contesto familiare, obbligo a mangiare da solo fino a subire la presenza in casa ed il mantenimento di familiari non graditi.

Il culmine di tali violenze si è avuto nei giorni scorsi allorché la Polizia di Stato è intervenuta presso l’abitazione del malcapitato, il quale era stato violentemente colpito all’occhio destro da padre e figlia dopo il rifiuto di dare ancora somme di denaro, riportando l’esplosione del bulbo oculare e conseguente una lesione permanente.
La dettagliata ricostruzione dell’intera vicenda criminale ha indotto il Gip del Tribunale di Latina Mario La Rosa ad adottare le misure cautelari immediatamente eseguite .

Giuseppe Cruciani conduttore del programma radiofonico La Zanzara
Articolo precedente

STEFANO, IL GIOVANE DI LATINA CHE ALLA ZANZARA HA RACCONTATO LE CONDIZIONI NEI SUPERMERCATI AI TEMPI DEL CORONAVIRUS

Ospedale Santa Maria Goretti
Prossimo articolo

CORONAVIRUS: 7 NUOVI CASI IN PROVINCIA, DECEDUTA UNA DONNA DI FORMIA

Latest from Same Tags