ATTENTATI A SINDACO E VICESINDACO DI SERMONETA: TUTTI ZITTI DAVANTI AL GIUDICE

Giuseppina Giovannoli, Sindaco di Sermoneta
Giuseppina Giovannoli, Sindaco di Sermoneta

Attentati alle auto del sindaco e del vicesindaco di Sermoneta: gli arrestati si sono avvalsi della facoltà di non rispondere e non hanno risposto alle domande del giudice

Tutte in silenzio le quattro persone che sabato scorso sono stati arrestati dai Carabinieri di Aprilia e Sermoneta in ragione dell’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip di Latina Giorgia Castriota.

Leggi anche:
SERMONETA, ATTENTANTI INCENDIARI A SINDACO E VICE SINDACO: ARRESTATI I RESPONSABILI

Accusati di danneggiamento (tre attentati incendiari alle auto del sindaco Giovannoli, del vicesindaco Marcelli e del figlio di quest’ultima) e violenza o minaccia ad un Corpo politico, amministrativo o giudiziario o ai suoi singoli componenti, i quattro arrestati (tre in carcere e una ai domiciliari) non hanno risposto in seno all’interrogatorio di garanzia.

Nessuno ha replicato alle domande del gip che ha firmato l’ordinanza, Giorgia Castriota, su richiesta del pm Martina Taglione: né Giuseppe Gentile, 56 anni, Presidente della Pro Loco di Sermoneta, considerato il mandante, né gli esecutori materiali degli incendi, Gianni Bernardi (contestato a lui il primo incendio del 7 gennaio ai danni dell’auto di Marcelli) e Emanuel Poli (protagonista, secondo gli investigatori, di tutti e tre gli attentati). In silenzio anche la compagna di quest’ultimo, Angela Toti, che si sarebbe recata ogni sera sul luogo degli attentati insieme al suo uomo.

Leggi anche:
ATTENTATI A GIOVANNOLI E MARCELLI: ARRESTATI IL PRESIDENTE DELLA PRO LOCO E ALTRI 3

Articolo precedente

COVID-19, NELLA PROVINCIA DI LATINA 19 CASI: BOOM A CISTERNA

Chiesa Immacolata
Prossimo articolo

INTERDIZIONE CHIESA DELL'IMMACOLATA. ARRIVA L'ORDINANZA DEL SINDACO

Latest from Same Tags