500MILA MASCHERINE NON CERTIFICATE: SCATTA IL SEQUESTRO, COINVOLTA SOCIETÀ DI LATINA

gdf

500mila mascherine sequestrate al porto di Salerno: l’operazione condotta dalla Guardia di Finanza ha visto coinvolta una società di Latina a cui erano destinate

Nei giorni scorsi, durante le ordinarie attività di controllo finalizzate al contrasto dei traffici illeciti, i Funzionari dell’Ufficio delle Dogane di Salerno ed i Finanzieri del locale Comando Provinciale hanno sequestrato, all’interno del porto, oltre cinquecentomila mascherine protettive, non potendone confermare i requisiti essenziali di salute e sicurezza stabiliti dalla normativa europea.

I prodotti irregolari, rinvenuti all’interno di un container proveniente dalla Cina, erano destinati ad una società di commercio all’ingrosso laziale, con punti vendita a Roma e con sede legale a Latina. Si tratta della I.T.T. srl di Igino Terzariol, perquisita dai finanzieri e dove sono state sequestrate 116 mascherine.

Lo smercio è stato impedito dall’intervento delle Fiamme Gialle della 2a Compagnia di Salerno, impegnate in un’attenta analisi dei rischi riguardante la vendita dei dispositivi di protezione, proprio in ragione della delicata funzione assolta da questi presidi individuali, nell’attuale fase di emergenza sanitaria. Considerata la natura della merce in ingresso dichiarata dal mittente, i militari hanno quindi concordato con i Funzionari Antifrode dell’Ufficio Dogane il blocco delle operazioni di scarico, così da procedere al materiale controllo fisico dei prodotti.

Sono state in questo modo rinvenute, durante l’ispezione, centinaia di scatole contenenti mascherine protettive modello “FFP2” che, a prima vista, sembravano del tutto a norma, essendo munite del previsto marchio “CE”, obbligatorio per la commercializzazione e l’utilizzo nel territorio dell’Unione Europea. I successivi approfondimenti ed un più attento esame della documentazione esibita a corredo dell’operazione doganale, la quale doveva comprovare la regolarità tecnica dei prodotti, hanno però portato i militari ed i Funzionari doganali a scoprire la falsità della marcatura “CE” apposta. L’attestazione di conformità, alla quale è subordinata l’applicazione del marchio comunitario, infatti, era stata, sì, rilasciata dal competente organismo europeo (il cd. ente “notificato”), ma quest’ultimo aveva espresso quel parere positivo con riferimento ad una partita di mascherine chirurgiche. Si trattava di dispositivi diversi da quelli bloccati in Dogana.

Il titolare dell’impresa è stato denunciato per il reato di “vendita di prodotti industriali con segni mendaci” e rischia fino a due anni di carcere, oltre alla multa fino a 20mila euro. In caso di condanna definitiva, anche alla società sarà inoltre applicata un’autonoma sanzione pecuniaria di tipo amministrativo.

Giancarlo Cardillo, sindaco di Castelforte
Articolo precedente

CASTELFORTE: CONSIGLIERE COMUNALE POSITIVO

Casa di riposo San Martino
Prossimo articolo

COVID-19: CASA DI RIPOSO AD ITRI MESSA IN QUARANTENA. OSPITI E OPERATORI NON POTRANNO USCIRE

Latest from Same Tags