14 CANDELOTTI ESPLOSIVI E ALTRE ARMI: SCARCERATO 57ENNE DI TERRACINA

polizia

L’uomo trovato a Terracina con una santabarbara di candelotti esplosivi si difende e viene scarcerato: “Erano di mio nonno”

Avrà solo gli obblighi di firma Giuliano Cipolla, il 57enne arrestato dagli agenti del Commissariato di Polizia di Terracina nella tarda serata di venerdì 23 ottobre con l’accusa di detenzione di materiale esplodente.

Leggi anche:
VANNO PER UN CONTROLLO E TROVANO UN ARSENALE DI ARMI IN CASA: ARRESTATO 57ENNE A TERRACINA

Cipolla, nel corso di un controllo della Polizia, aveva in casa ben 14 candelotti esplosivi, due detonatori a miccia, tre micce di diverse dimensioni e un fucile semiautomatico Beretta più una canna da fucile.

Interrogato questa mattina dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Latina Giuseppe Molfese, Cipolla ha sostenuto che il materiale sequestrato apparteneva a suo nonno il quale, 50 anni fa, lo utilizzava per dissodare la terra. L’uomo avrebbe ereditato dal congiunto la casa e insieme ad essa l’esplosivo.

Una tesi evidentemente credibile o comunque sufficiente a fargli ottenere la misura più lieve degli obblighi di polizia giudiziaria.

ispettore ambientale
Articolo precedente

CORI: NASCONO GLI ISPETTORI AMBIENTALI VOLONTARI

nuovo-dpcm-covid-coprifuoco-chiusure-bar-ristoranti-alle-18-ristoro-rapido
Prossimo articolo

"DOPO IL DPCM SI RISCHIA EMERGENZA SOCIO-ECONOMICA, SUBITO I RISTORI". ANCHE LATINA SI UNISCE ALL'APPELLO ANCI

Latest from Same Tags