equitazione acrobatica latina
Una delle giovani pontine durante il Campionato Italiano di Volteggio Equestre presso le Scuderie Malaspina di Ornago in provincia di Milano

VOLTEGGIO EQUESTRE, GIOVANISSIMI PONTINI AL CAMPIONATO ITALIANO

in Attualità

Qualche giorno fa, una delegazione di giovanissimi atleti pontini ha partecipato, dal 10 al 13 ottobre, al Campionato Italiano di Volteggio Equestre presso le Scuderie Malaspina di Ornago in provincia di Milano. Amabel, Valerio, Noemi, Benedetta, Irene, Francesca e Matteo si allenano al maneggio Centro Ippico Attilio, sulla strada Litoranea all’altezza di Fogliano (Borgo Grappa, Latina), sono coloro che hanno rappresentato il territorio pontino in questo campionato equestre di livello nazionale.

Per il circuito agonistico, in categoria D, la squadra era composta da: Noemi, 10 anni di Priverno; Benedetta, 13 anni di B.go Hermada; Irene di 13 anni e Francesca di 16, entrambe di Sabaudia. Le ragazze hanno conquistato il 6° posto della classifica eseguendo singolarmente l’esercizio di volteggio, una sorta di ginnastica artistica sul cavallo al galoppo con passi obbligatori (figure uguali per tutti gli atleti e per tutte le categorie), con voti da 0 a 10. La seconda parte della performance è stato un libero, cioè un esercizio di gruppo a tema con musica che prevede figure acrobatiche, utilizzando tutta la superficie offerta naturalmente dalla stazza del cavallo. Noemi ha anche gareggiato in un esercizio individuale sempre nella categoria D, guadagnando un 5° posto.

Amabel, 7 anni di Priverno, e Valerio, 8 anni di B.go Hermada, un duo che si è piazzato al 9° gareggiando in categoria F, circuito ludico-addestrativo che precede quello agonistico. Questa categoria prevede esercizi al cavallo esclusivamente al passo.

Dulcis in fundo, Matteo, bambino con un disturbo dello spettro autistico che è arrivato primo nella categoria F Open, aperta solo a bambini con disabilità, i quali hanno più tempo nella performance libera. Matteo fa riabilitazione equestre da circa tre anni e anche lui ha eseguito, davanti ai giudici, l’esercitazione obbligatoria e quella libera, assistito come longueur da Mario Santilli, medico del circolo ippico di Fogliano.

Barbara Serra, tecnico di volteggio di secondo livello e tecnico specializzato in riabilitazione equestre racconta a Latina Tu che: “Alcuni dei ragazzi che hanno partecipato al campionato si allenano al maneggio da 7 anni, altri solo da 2, ma si allenano 4 volte a settimana per 3/4 ore al giorno. Il sabato ci si concentra sulla parte acrobatica con un preparatore. L’allenamento è suddiviso in una parte a terra in un ambiente adibito a palestra dove si fa riscaldamento, addominali, esercizi sulla trave, di potenziamento, cavallo finto, e solo dopo arriva il momento della pratica con i cavalli. La parte con gli animali è minore rispetto all’allenamento prettamente fisico in palestra, e questa è una prassi a tutela dei cavalli stessi“.

Il longueur è la figura che mantiene il cavallo nel circolo e detta l’andatura da assumere, a seconda della categoria in gara

Il campionato non è andato proprio come si sperava perché, sfortunatamente, uno dei cavalli in gara con i giovani sportivi si è infortunato il secondo giorno e, da regolamento, non è stato possibile sostituirlo. Questo ha comportato l’impossibilità di terminare la gara su due manches di alcuni atleti.

È uno sport che può essere praticato dai 3 anni in su, è una disciplina di squadra, non è individuale come potrebbe sembrare. Aiuta molto a socializzare, a comprendere le regole, la collaborazione, lo spirito di squadra, e per i bambini con problemi di socializzazione, soprattutto quelli che presentano un disturbo dello spettro autistico, è uno sport davvero utile” – conclude Barbara Serra.

Latest from Attualità

Torna su