VIOLAZIONI ANCHE PENALI DA PARTE DEI FARMACISTI DELLA PROVINCIA

in Cronaca

I Carabinieri del Nucleo Antisofisticazioni (NAS) di Latina hanno svolto un servizio di controllo mirato ad accertare la corretta dispensazione dei farmaci e dei dispositivi medici a carico del Servizio Sanitario Nazionale. Le 19 ispezioni ad altrettante farmacie, poste nell’ambito delle provincie di Frosinone e Latina, hanno consentito di accertare numerose violazioni alle norme amministrative e penali che disciplinano la materia.

A 16 titolari di farmacia sono state contestate oltre 400 violazioni di natura amministrativa, reiterate nel tempo, per un importo superiore ai 412.000 euro. A 6 farmacisti sono state addirittura contestate violazioni di natura penale. L’attività dei NAS ha portato al sequestro di 376 confezioni di farmaci e 426 confezioni di dispositivi medici privi delle “fustelle” necessarie per ottenere il rimborso da parte delle Asl competenti.

I militari del N.A.S. nello specifico rilevavano, e quindi contestavano ai farmacisti responsabili, violazioni amministrative relative alla dispensazione ai clienti di medicinali in assenza di ricetta medica non ripetibile. Comportamenti ancora più censurabili (di natura penale) consistevano nell’aver richiesto fraudolentemente alle Asl competenti il rimborso di farmaci e dispositivi medici che sono a carico dell’ Servizio Sanitario Nazionale apponendo le fustelle su ricette intestate ad ignari pazienti e mai materialmente consegnati.

Tra le violazioni di natura penale anche il mancato aggiornamento della documentazione relativa alla dispensazione dei farmaci stupefacenti. Il NAS ricorda che, i medicinali soggetti a prescrizione medica possono presentare un pericolo se utilizzati senza il controllo medico con rischio diretto o indiretto per la salute del paziente. A riguardo saranno intensificati i controlli nello specifico settore atteso la pericolosità del fenomeno accertato.

Latest from Cronaca

Torna su