REVISIONE METRO A LATINA: COMUNE VA AVANTI COL PROGETTO CHE COLLEGA STAZIONE A CITTÀ

/
Metro a Latina
La presentazione della metro in Piazza del Popolo a Latina. Una delle opere più fallimentari e farsesche della storia pontina

Revisione del progetto della metro a Latina: il Comune del capoluogo va avanti con la fattibilità tecnico-economica

È la determina 1330 del Servizio Trasporti del Comune di Latina, datata 12 agosto e pubblicata oggi, 24 agosto, che stabilisce di affidare il progetto, tramite procedura pubblica, per la realizzazione di un sistema di trasporto rapido di massa da esercire nella tratta compresa tra la stazione ferroviaria, sita in località Latina Scalo e l’autostazione, con prolungamento del servizio ai quartieri Nascosa e Nuova Latina ex Q4 e Q5.

L’affidamento del Comune di Latina è finalizzato alla redazione del Progetto di Fattibilità Tecnico Economica” del sistema di trasporto di massa. Come noto, infatti, il Comune di Latina, nel riconvertire in maniera minimalista il progetto “bluff” della metro-leggera, dispone del contributo del Ministero dei Trasporti di cui il Comune di Latina è risultato destinatario per un valore di 472mila euro.

Leggi anche:
METRO LEGGERA LATINA: LA PRESCRIZIONE CANCELLA IL GRANDE BLUFF

In sostanza, il Comune vuole convertire il vecchio e fallimentare progetto della metro leggera di zaccheiana memoria in un nuovo scenario stavolta sostenibile, e senza contributi chilometrici regionali fantasiosi, nel collegamento Latina-Latina Scalo. Per farlo, però, ci sono tempi stringenti in merito alla produzione del documento di fattibilità tecnico-economica di revisione del progetto.

Ecco perché dopo l’affidamento allo studio legale romano “Piselli&Partners” per gli eventuali contenziosi avvenuto a giugno scorso, ora il Comune di Latina prosegue l’iter che prevede come prossimo passo l’affidamento della redazione del progetto di fattibilità tecnico-economica.

Peraltro lo studio legale romano, con un parere pro veritate, ha dato già il lasciapassare in merito alla possibilità di procedere “all’indizione di una nuova gara per l’affidamento di un contratto per la progettazione e la realizzazione di una rete di trasporto pubblico con tecnologia BRT avvalendosi di tutti gli strumenti per l’affidamento dei contratti pubblici“. Una nuova gara già resa opportuna dall’impresa genovese TTA Trasporti Territorio Ambiente s.r.l., scelta come supporto al Rup dal Comune di Latina.

La somma stimata dal Comune di Latina è di 526.000 euro.

“82 milioni di euro per la nostra comunità, salvati proprio in questi giorni. La città ha fatto un altro passo in avanti rispetto a uno dei più grandi bluff del nostro recente passato: la Metroleggera. Con una determina pubblicata all’Albo Pretorio, il Comune si prepara infatti ad affidare il progetto di fattibilità economica del “sistema di trasporto di massa per il collegamento tra lo Scalo e la città”. Un nuovo tracciato che si potrà estendere verso i quartieri Q4 e Q5, in sede protetta e con mezzi esclusivamente alimentati a energia elettrica. Una progettazione che consente di non perdere gli 82 milioni di euro di fondi Cipe e di superare il bluff Metroleggera naufragato tra l’insostenibilità finanziaria e le indagini. Fondi recuperati grazie a un nostro progetto sostenibile, credibile e realizzabile”. A dichiararlo è il candidato Sindaco Damiano Coletta.

Articolo precedente

CADE DAL TETTO E SI FA MALE: ELITRASPORATO DA SABAUDIA A ROMA

Articolo successivo

COVID, LAZIO: 1824 NUOVI CASI E 3 DECESSI

Ultime da Cronaca