PESTAGGI A LATINA: GIUDIZIO IMMEDIATO PER I 3 GIOVANI “PICCHIATORI”

Annoni, Toma e Zara
Ettore Annoni (a destra), Toma (in alto) e Zara

Giudizio immediato per i tre giovani picchiatori di Latina immortalati nei video mentre pestavano passanti nel capoluogo

La prima udienza del processo è stata fissata per il prossimo 13 gennaio 2020 e vedrà alla sbarra Ettore Annoni, Luigi Toma e Vincenzo Zara (ad oggi ancora agli arresti domiciliari), rispettivamente di 22, 22 e 21 anni.

L’inchiesta è stata coordinata dalla Procura della Repubblica di Latina – Procuratore Aggiunto Carlo Lasperanza e sostituto procuratore Claudio De Lazzaro – e ha coinvolto anche la Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Roma – sostituto procuratore Tullia Monteleone – poiché oltre ai tre maggiorenni c’era, coinvolto nei brutali pestaggi in giro per la città, anche un 17enne.

Leggi anche:
PESTAGGI DI GRUPPO A LATINA: I TRE RESPINGONO LE ACCUSE, RIMANGONO AI DOMICILIARI (PER ORA)

Le misure cautelari scattarono nel luglio scorso quando furono rese evidenti le azioni della piccola banda che giocava a fare la malavita per strada e, ad ora, accusata di aver commesso in più circostanze rapine, pestaggi e minacce.

In uno degli episodi, immortalato in un video (vedilo facendo clic sui link di approfondimento), i quattro, con il pretesto di chiedere una sigaretta, a seguito della risposta negativa da parte del malcapitato, lo aggredivano colpendolo violentemente con un calcio e dopo averlo reso inoffensivo tentavano di sottrargli il telefonino. Una prima reazione ed una fuga repentina hanno salvato lo sventurato da conseguenze ben peggiori.

Leggi anche:
LATINA: PREPOTENZE, PESTAGGI E RAPINE. 4 GIOVANI DEL CAPOLUOGO ARRESTATI, C’È UN MINORE

Quando i poliziotti, la sera del 4 giugno, li individuarono nei pressi del Liceo Classico di via Mazzini subito dopo una delle rapine e aggressioni contestate, e accompagnarono in Questura per l’identificazione, i giovani, ora a processo, si scattarono reciprocamente fotografie e si ripresero con gli smartphone, per poi postare le immagini ed i video su vari social media.

Materiale sequestrato nell'operazione Gasoline
Articolo precedente

"GASOLINE": ARRIVANO LE PRIME CONDANNE PER LA FRODE DEL GASOLIO TRA LATINA E PROVINCIA ROMANA

Jack Russell
Prossimo articolo

FINISCONO SOTTO TERRA A LA BUFALARA E LA "SORELLA" JACK RUSSELL SALVA LORO LA VITA

Latest from Same Tags