BERTA MAGGIORE
Ligea

LIGEA, LA BERTA MAGGIORE CHE HA SPICCATO IL VOLO DA VENTOTENE

in Attualità

Grazie al lavoro del Parco Monti Ausoni e Lago di Fondi prende il volo Ligea: dopo anni la prima Berta maggiore con passaporto di Ventotene

La storia inizia lo scorso mese di agosto e, in maniera anche abbastanza casuale, è stato scoperto un nido di Berta Maggiore (Calonectris diomedea) a Ventotene.

BERTA MAGGIORE 2Specie simbolo del Mar Mediterraneo, la Berta Maggiore può raggiungere i 50 cm di lunghezza, per 600 grammi di peso. Dall’aspetto simile a un piccolo Albatross, la Berta presenta un piumaggio bruno sul dorso, che sfuma verso il bianco sul collo e ventre. La testa si presenta grigio chiara. La Berta Maggiore è una specie protetta dalla Direttiva Uccelli, il provvedimento comunitario concernente la conservazione degli uccelli selvatici.

Per la prima volta è stato possibile documentare la nascita e l’involo di un pulcino dall’isola di Ventotene. Sia perché è molto difficile ispezionare i nidi visto che le uova vengono deposte sulle pareti rocciose a picco sul mare. Ma anche perché fino a poco tempo fa sui pulcini gravava una minaccia terribile: quella dei ratti. Animali, arrivati sull’isola insieme all’uomo, che predano sia le uova sia i pulcini delle berte.

Il Progetto PonDerat (co-finanziato dall’Unione Europea che ha come obiettivo il miglioramento dello stato di conservazione di specie e habitat delle Isole Ponziane) ha eliminato questa minaccia da Ventotene e Palmarola.
Il Parco Naturale Regionale Monti Ausoni e Lago di Fondi ha partecipato con il suo personale al progetto e oggi esprime soddisfazione ai frutti del lavoro svolto.
Il pulcino di Ventotene è stato chiamato con il nome di Ligea, una delle sirene della mitologia greca.
Ora starà sorvolando le acque dell’Oceano Atlantico, di fronte alle coste dell’Africa occidentale, insieme alle altre Berte maggiori partite dalla Isole Ponziane questo autunno. Ma prima che si involasse è stata inanellata e sarà così riconoscibile in tutto il mondo come TJ 1592.

Il Progetto PonDerat ha quasi del tutto eliminato la minaccia di animali alieni invasivi da Ventotene, Santo Stefano e Palmarola. Tanto che fino a pochi anni fa si involava solo un pulcino su dieci da Palmarola. Quest’anno sono riusciti a prendere il volo nove pulcini su dieci. Un successo pieno.

Latest from Attualità

Torna su