pace-fiscale-cartelle-equitalia-decreto

LE CARATTERISTICHE E LE CONTROVERSIE DELLA PACE FISCALE: UN CONVEGNO A LATINA

in Attualità

Le basi e le criticità degli ultimi più importanti provvedimenti di ambito fiscale in Italia. Un tema di interesse per molti cittadini che da anni si battono per attutire il carico fiscale e, sopratutto, la loro situazione debitoria.
La pace fiscale: disciplina e questioni controverse“, così si chiama il convegno che avrà luogo presso la Sala Conferenze della Facoltà di Economia e Commercio a Latina (ore 15,30) venerdì 12 aprile.
Il decreto fiscale, spesso giornalisticamente riassunto in pace fiscale, è stato varato dall’attuale Governo col Dl 119 del 23 ottobre 2018: dal Processo Verbale di Constatazione (Pvc) agli accertamenti, dalle cartelle esattoriali alle liti pendenti, passando per multe stradali e dazi doganali, l’impianto del decreto si prefigge di far chiudere ai cittadini i conti con il Fisco evitando il pagamento delle sanzioni e degli interessi e, in alcuni casi, riducendo anche l’imposta dovuta.
Come noto, la pace fiscale è un progetto ampio e articolato che comprende sia il decreto succitato che la Legge di Bilancio 2019, e che prevede quattro diverse opzioni di chiusura dei debiti e delle cartelle:

  • saldo e stralcio delle cartelle per i contribuenti con ISEE fino a 20.000 euro;
  • rottamazione ter delle cartelle;
  • definizione agevolata delle liti tributarie pendenti;
  • stralcio totale mini-cartelle fino a 1.000 euro

La novità più importante è proprio il saldo e stralcio delle cartelle per i contribuenti in difficoltà economica. È questa la misura varata dal Governo con la Legge di Bilancio 2019 che più somiglia al progetto iniziale della pace fiscale previsto dal contratto tra Lega e M5S.

Per quel che riguarda invece la rottamazione ter 2019 e la definizione agevolata delle liti pendenti si tratta invece di una riedizione, seppur con alcune novità rilevanti, di misure già varate nelle precedenti legislature.

Di questo e di altro, con una particolare attenzione ai problemi insiti a un provvedimento di tale complessità (ad esempio, i dubbi irrisolti sui PVC in materia di trasparenza, violazioni non formalmente contestate e riduzione delle violazioni a seguito delle deduzioni del contribuente), si parlerà al convegno organizzato dall’Unione dei giudici Tributari (UGT) insieme a La Sapienza, il Consiglio di Presidenza della Giustizia Tributaria e l’Istituto per il Governo Societario (IGS).
Un convegno accreditato da Ordine Avvocati, Commercialisti e Consulenti del Lavoro e che vedrà la presenza di tre esperti in materia tributaria e rappresentanti di enti e ordini tra cui la Presidente del Tribunale di Latina Caterina Chiaravalloti, il Presidente della Commissione Tributaria Provinciale Giuseppe D’Auria, il Presidente dell’IGS Paolo Moretti, il Direttore della Direzione Provinciale di Latina dell’Agenzia delle Entrate Antonino Cutuli, il Presidente dell’Ordine dei Commercialisti Efrem Romagnoli, il Presidente dell’Ordine degli Avvocati Giovanni Lauretti e il Presidente dell’Ordine dei Consulenti del Lavoro Lanfranco Principi.
A moderare l’incontro il vice presidente di sezione della Commissione Tributaria Provinciale di Latina, Alberto Mercuri.

 

Latest from Attualità

Torna su