LATINA, UN OPERATORE ABC DANNEGGIA LA STATUA DI PERTINI. L’AZIENDA: “PROVVEDEREMO AL RIPRISTINO”

Monumento a Pertini
Il monumento al Presidente della Repubblica Italiana Sandro Pertini danneggiato da una manovra sbagliata di un mezzo dell'Azienda speciale dei Beni Comuni di Latina

Danneggiamento statua di Pertini, ABC Latina provvederà agli interventi di ripristino dell’opera dopo che un suo mezzo l’ha danneggiata

mezzo Abc
mezzo Abc

Siamo venuti a conoscenza questa mattina dagli organi di stampa dell’episodio che ha provocato il danneggiamento della statua di Sandro Pertini situata nei pressi di via don Morosini a Latina. L’episodio, erroneamente attribuito ad un atto vandalico, è invece riconducibile ad una errata manovra di un operatore dell’Azienda per i Beni Comuni di Latina. L’intervento si è tenuto alle prime ore di questa mattina, tra le 6 e le 7, ci rincresce per la tardiva comunicazione, ma l’Azienda ABC ne è venuta a conoscenza solo al rientro dell’operatore, quando è stata consegnata la relativa comunicazione“.

Così, in una nota, l’Azienda dei Beni Comuni che dà conto di un episodio che, se non ci fosse un’emergenza in atto, sarebbe a metà tra il grottesco e il grave.

Siamo molto dispiaciuti per quanto accaduto – prosegue l’azienda – seguiranno le opportune verifiche e procedure interne per garantire la giusta soluzione dell’increscioso episodio. L’Azienda ABC, come ovvio, provvederà a proprie spese agli interventi di ripristino della statua danneggiata“.

Ora, non è possibile conoscere la dinamica dell’incidente per il momento. Quello che è certo è che non si deve essere Ayrton Senna per evitare una manovra che ha danneggiato una statua la quale, peraltro, ha rappresentato per l’amministrazione attuale uno degli snodi simbolici di questi anni tra toponomastica e icone della storia repubblicana.

Senza indulgere in polemiche di cui, proprio ora, non se ne sente il bisogno vista l’emergenza che si vive, è altrettanto vero però che l’azienda è completamente pubblica, anzi municipale, quindi giocoforza a pagare saranno tutti i cittadini. Con tutto il rispetto e la pazienza dovuta ai lavoratori che raccolgono i rifiuti e che si adeguano allo stress da pandemia.

Articolo precedente

SPALLANZANI: IN AUMENTO I PAZIENTI COVID 19

Articolo successivo

CISTERNA: TRUFFA DELLO SPECCHIETTO SERIALE. DENUNCIATO UN 25ENNE, COMPLICE UNA MINORENNE

Ultime da Attualità

APRE “CISTERNA DIGITALE”

Lo sportello offrirà ai cittadini affiancamento e formazione gratuiti per l’accrescimento delle competenze digitali di base.