LATINA. NICOLOSI VIOLENTO: ALTRO EPISODIO DI RISSA TRA RUMENI E ITALIANI

Anche nello storico Quartiere Nicolosi, il racket degli stupefacenti dei Di Silvio imponeva le sue direttive ai pusher del luogo
Lo storico quartiere Nicolosi di Latina

È di ieri l’ennesima rissa al quartiere Nicolosi ormai tristemente noto, non più come meriterebbe per la sua storia nel capoluogo, ma sopratutto per spaccio, degrado e sfide all’ultimo pugno, coltello o peggio ancora.

Nel pomeriggio dell’Immacolata, un uomo è rimasto ferito con una prognosi di dieci giorni stabilita dai medici del Goretti che l’hanno preso in cura. Una ferita causata da un fatto di per sé anonimo ma che testimonia a quale livello di tensione è arrivato l’ambiente del quartiere. Caldissimo.

Tutto è nato da un uomo di nazionalità romena che stava urinando con nonchalance in pubblica piazza, per la precisione Piazzale Gorizia, attorniato da altri connazionali in stato di ebbrezza alcolica. Secondo gli agenti della Polizia di Stato intervenuti, alla vista del rumeno in quella azione poco urbana, un uomo di nazionalità italiana ha urlato che non si poteva fare: in effetti, urinare per strada non è proprio un comportamento accettabile, in alcuni stati degli Usa o nel vicino Regno Unito si finisce in carcere per questo.
Talché, tornando alle nostre latitudini, ne è nata una colluttazione/rissa degenerata quando l’italiano che aveva urlato ha preso un coltello e ha ferito il rumeno.

Quest’ultimo, evidentemente ubriaco, è stato soccorso da un’ambulanza dell’Ares 118 e trasportato al pronto soccorso del Santa Maria Goretti dove, di lì a breve, è stato dimesso, mentre l’italiano, una volta identificato, è stato denunciato per il possesso dell’arma da taglio e il ferimento. 

Dati Arpa Lazio 10 dicembre
Articolo precedente

L'ARIA CHE RESPIRIAMO: ARPA LAZIO INAUGURA NUOVO SPAZIO WEB

Carlo Medici, Coletta e la discarica
Prossimo articolo

ORDINANZA CHOC DELLA PROVINCIA: "DISCARICA RISCHIO POTENZIALE, SI DEVE BONIFICARE ENTRO 30 GIORNI"

Latest from Same Tags