LATINA. AL CAMBELLOTTI “I VOLTI DELL’ALIENAZIONE” PER COMMEMORARE LA DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEL ’48

/
savethehuman

“Tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti”. Per la prima volta nella storia dell’umanità, la Dichiarazione Universale del ’48 adottava un documento riguardante tutte le persone, senza distinzioni. Per la prima volta era scritto che esistono diritti di cui ogni essere umano deve poter godere per la sola ragione di essere al mondo. Eppure la Dichiarazione è ancora oggi poco conosciuta, disattesa e considerata alla stregua di un documento scritto per gli orrori di ieri e inefficace a combattere quelli di oggi e di domani. Latina dedica due giorni, per commemorare il più importante documento dell’uomo sull’uomo. Dall’8 al 10 dicembre, per iniziativa dell’Amministrazione e con la collaborazione di Istituzioni e associazioni come UNAR, Abuon Diritto, Amnesty International e La Società della Ragione, saranno dedicate due intere giornate, non per celebrare retoricamente un bellissimo e storico documento di cui cade il 70° anniversario; almeno non solo. Intende affrontare un bilancio che ci riguarda da vicino, oggi. Riguarda il potere di dare la morte impedendo il soccorso in mare. Riguarda i letti di contenzione, espunti da poco nella nostra legislazione, eppure operanti in tante parti del mondo. Riguarda la timidezza nell’affrontare il reato di tortura o l’abuso del potere quando è incontrollato e può, dunque colpire chiunque. Riguarda i casi di Stefano Cucchi, Federico Aldrovandi, ma anche, fuori dai nostri confini, di Giulio Regeni. I lutti e gli orrori che hanno generato questa straordinaria Dichiarazione sembrano lontani nel tempo, ciò non significa – come aveva intuito Primo Levi – che se rimossi non possano ripetersi. Cosi l’Assessorato alla cultura di Latina, dal 9 dicembre al 6 gennaio, presso il Museo civico Duilio Cambellotti, in Piazza San Marco, per ricordare il 70° anniversario della Dichiarazione dei diritti dell’uomo e aprire un nuovo spunto di riflessione sul tema “La dignità dell’umanità” dedica una mostra intitolata ” i volti dell’alienazione” realizzata con i disegni dell’artista Roberto Sambonet. Presenzieranno all’inaugurazione di sabato, 8 dicembre, alle ore 12, Silvio Di Francia Assessore alle Politiche Culturali del Comune di Latina, Patrizia Ciccarelli Assessore alle Politiche di Welfare e Pari Opportunità del Comune di Latina, Stefano Cecconi del Comitato Nazionale StopOpg, Franco Corleone e Ivan Novelli, curatori della mostra, Museo civico Duilio Cambellotti.

 

 

usi e domini
Articolo precedente

USI CIVICI. REGIONE LAZIO: APPROVATA IN GIUNTA PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE

Regione Lazio
Prossimo articolo

REGIONE: AL VIA DELIBERA RAZIONALIZZAZIONE SEDI ISTITUZIONALI GIUNTA CON RISPARMI PER OLTRE 8 MLN DI EURO L’ANNO

Latest from Same Tags