ITRI: LETTERA DEL COMITATO DI CALABRETTO AL PRESIDENTE DEL PARCO DEGLI AURUNCI

Discarica abusiva di Calabretto all'interno della pineta

Nuovo Comunicato dei cittadini residenti in zona Calabretto (Comune di Itri) indirizzato al Presidente Marco Delle Cese e al Direttore Giorgio De Marchis dell’Ente del Parco degli Aurunci.

Il Comitato fa presente che il 4 luglio scorso in un’area sita in località Calabretto, a ridosso della linea ferroviaria e del Torrente Pontone è stata individuata una discarica con diverse tipologie di rifiuti abbandonati. Dall’ accumulo di rifiuti fuoriuscivano miasmi maleodoranti e fumi tossici.

Discarica abusiva di rifiuti a Calabretto all’interno del bosco

I residenti si sono rivolti subito al Sindaco di Itri Antonio Fargiorgio, informandolo di quanto stava accadendo. Non ottenendo risposte concrete dal primo cittadino né atti risolutivi i cittadini si sono organizzati in Comitato chiedendo consulenza ai legali Letizia Maria Colaguori e Angela De Rosa.

La situazione è considerata dal Comitato gravissima. I residenti vivono nell’odore acre dei fumi tossici e circondati da amianto e rifiuti di ogni genere. Gli stessi sono costretti a barricarsi in casa per non restare intossicati dagli odori. Esisterebbe inoltre il rischio che il percolato a breve con le prime piogge giungerà, tramite il Pontone, in mare. In particolare il liquido che si è formato in discarica attraverso le acque meteoriche finirebbe di fronte alle gabbie di itticoltura e allevamento di mitili. Esistono rischi anche per i bagnanti. 

La discarica e i fiumi avrebbero già distrutto un’area verde di vasta estensione, annientando alberi di ulivo, notoriamente tipiche di quella terra, Compromesse sarebbero di conseguenza la flora e la fauna del territorio, come anche le falde acquifere e i pozzi da cui si attinge l’acqua.

Il Comitato chiede al Presidente e al Direttore del Parco degli Aurunci di effettuare un sopralluogo presso la discarica per guardare da vicino lo stato di degrado che mette in pericolo lo stato di degrado che mette in pericolo la salute pubblica e l’ambiente.

Articolo precedente

PONZA: DISSEQUESTRATA LA STRUMENTAZIONE MUSICALE DEL DJ

Uno dei giovedì del Barakka a Latina
Prossimo articolo

MOVIDA DI LATINA IN CRISI: COMUNE E QUESTURA CHIUDONO IL BARAKKA DOPO IL CANCUN

Latest from Same Tags