ITALIA CUP 2022: NUMERI DA RECORD NELLE ACQUE DEL GOLFO DI GAETA

Numeri da record per la prima tappa dell’Italia Cup 2022 riservata alle classi Ilca 4-6-7, la manifestazione organizzata dal Circolo Nautico Caposele, il club più antico della provincia di Latina (nato nel 1961), con la collaborazione ed il patrocinio del Comune di Formia

L’evento, che si terrà dal 9 al 13 marzo nelle acque del Golfo di Gaeta, richiamerà 483 equipaggi provenienti da tutta Italia e anche dall’estero con la partecipazione di una trentina di imbarcazioni in arrivo dalla Svizzera, dalla Polonia e dalla Grecia. Due i campi di regata allestiti dal comitato organizzatore, che vedranno impegnate le classi 4.7, Radial maschile e femminile e Standard. Le prossime tappe si svolgeranno a Roma-Ostia (29 marzo), Crotone (29 giugno) e San Benedetto del Tronto (4 ottobre).

Un impegno concreto di promozione turistica, sportiva e culturale che l’amministrazione comunale sta portando avanti al fine di realizzare eventi che attirino un elevato numero di visitatori e appassionati, potenziando l’offerta turistica con ricadute e benefici per il tessuto ricettivo e commerciale dell’intero comprensorio.

“Lo Stadio del Vento è uno scenario suggestivo e magico – sottolinea il sindaco Gianluca Taddeo – La vela è una disciplina che nel nostro Golfo ha sempre riscosso successo e adesioni e l’arrivo di un numero così elevato di partecipanti, all’interno di un evento ad ampia scala nazionale ma anche internazionale, rappresenta la migliore vetrina per la valorizzazione del nostro territorio. L’obiettivo è di coinvolgere tutti gli enti e le associazioni per far conoscere le bellezze della nostra città e con la recente acquisizione dell’immobile dell’ex Marina di Castellone l’idea è di creare un polo di aggregazione per i giovani di altre discipline sportive sviluppando iniziative collaterali”.

Il Circolo Nautico Caposele presieduto dall’ingegnere Raffaele Giarnella non è nuovo nell’ospitare manifestazioni di alto livello: la recente assegnazione, nel mese di novembre, dei Cico (campionato italiano classi olimpiche), la terza volta dopo le edizioni 2010 e 2016, conferma la crescita esponenziale del club tirrenico, sempre in prima linea nell’organizzazione di eventi: dal Campionato Mondiale Formula 18, all’Europeo 470, ai tricolori Optimist, al campionato giovanile classi in doppio. Sono soltanto una serie rapida di kermesse che si sono svolte negli anni passati sul litorale di Vindicio.

“Con la Federazione siamo in completa sintonia e ragioniamo sulla stessa lunghezza d’onda – spiega l’assessore allo Sport Eleonora Zangrillo – la recente visita del presidente federale Francesco Ettorre che peraltro già conosce la nostra zona, è stata un’ottima occasione per discutere di tante idee interessanti. Il nostro Golfo è senza dubbio uno dei migliori in Italia e Formia dispone di professionalità di assoluto livello, ci sono tutte le condizioni per puntare forte sulla vela quale strumento per la valorizzazione territoriale e la crescita turistica. L’amministrazione comunale sosterrà le iniziative e questa è una strada importante in ottica futura”.

Entusiasta è l’ingegnere Raffaele Giarnella, presidente dal 2011 del Circolo Nautico Caposele. “Nel 2021 gli iscritti dell’Italia Cup furono 432, quest’anno il numero è notevolmente salito anche per l’accoglienza che hanno ricevuto l’anno scorso. La classe Laser è la più numerosa, se aggiungiamo anche allenatori e giudici, si arriva fino a quasi 600 persone, un indotto importante da sostenere. Con l’appoggio dell’amministrazione miriamo a promuovere degli eventi annuali anche nei periodi di destagionalizzazione turistica concentrandoli anche nei periodi di bassa stagione. La vela come propulsore e motore per la crescita di Formia”.

Articolo precedente

APRILIA: RIPRISTINATO IL MONUMENTO FALCONE E BORSELLINO. IN PROGRAMMA L’INCONTO CON LA TORRE

Articolo successivo

CARO GASOLIO, PESCHERECCI FERMI. LEGA: “PRESENTEREMO MOZIONE IN PARLAMENTO”

Ultime da Attualità

APRE “CISTERNA DIGITALE”

Lo sportello offrirà ai cittadini affiancamento e formazione gratuiti per l’accrescimento delle competenze digitali di base.