FLACCA IN PESSIME CONDIZIONI, LA DENUNCIA DI GAETA5STELLE

/
  • Gaeta
  • Gaeta
  • Gaeta
  • Gaeta
  • Gaeta
  • Gaeta
  • Gaeta
  • Gaeta
  • Gaeta
  • Gaeta
  • Gaeta

Viviamo nell’epoca del crollo dei ponti e delle infrastrutture fatiscenti, da più parti d’Italia arrivano segnalazioni di strade o viadotti in stato di abbandono.

Dopo il crollo del Ponte Morandi, nel nostro Paese è tornato alla ribalta il dibattito sullo stato di manutenzione delle nostre strade, dei ponti e viadotti, al fine di stimolare gli interventi per verificare lo stato delle infrastrutture e, in caso di necessità, ripararle.

Ma ovunque è cosi?

Siamo a Gaeta, Zona Conca, alcuni cittadini percorrendo la Flacca dall’Italcraft fino all’incrocio con via Canzatora hanno riscontrato uno stato d’abbandono per mancanza di manutenzione che va avanti da anni: da qui nasce la denuncia di Gaeta5stelle.

Il comunicato

Prima che sia tardi interveniamo!
Siamo stati contattati da alcuni cittadini, residenti nella cosiddetta zona “Conca” che hanno riscontrato, sul tratto di Flacca che va dal cantiere Italcraft all’incrocio con via Canzatora. innumerevoli criticità; partendo da anomalie del manto stradale, fino a problematiche inerenti la viabilità, la sicurezza sia degli automobilisti che dei pedoni, e una eccessiva rumorosità del traffico sia nelle ore diurne di punta che notturne.
Questi cittadini rilevano che da molti anni non si effettua una manutenzione, degna di questo nome, su questo tratto, tanto è vero che si sono riscontrate, oltre alle numerose e diffuse buche, delle insolite spaccature trasversali, che attraversano tutta la carreggiata e che interessando anche i marciapiedi soprattutto quelli lato mare.
Queste spaccature, ad una distanza di circa 25m l’una dall’altra, si trovano in corrispondenza di alcuni punti di giunzione dei vari moduli che compongono il ponte ivi esistente.
Dai rilievi fotografici è appurabile che, all’altezza di queste spaccature dell’asfalto, l’acqua piovana che si infiltra negli strati sottostanti, si sta facendo strada, provocando il distacco del cemento dai piloni (che diversamente negli altri punti appaiono asciutti).
La struttura interna in ferro/acciaio dei piloni, esposta agli agenti atmosferici e all’acqua, si sta deteriorando, gonfiando e marcendo; il tutto come conferma la presenza di muschio, muffa e caduta di calcinacci e detriti.
Questi cittadini ci hanno rappresentato di essere anche allarmati perché ultimamente si stanno registrando aumento di vibrazioni (soprattutto durante il passaggio di mezzi pesanti) che, nonostante il divieto imposto sull’onda emotiva di una morte occorsa nello scorso gennaio, circolano nuovamente indisturbati.
Risulta danneggiato e deteriorato anche il parapetto lato mare i cui moduli in ferro, costituiti da struttura tubolare inserita nel cemento, alla base si presentano arrugginiti, assottigliati, con notevoli fessure nel cemento e crepe con ferri a vista completamente scoperti.
Urgono, quindi, delle verifiche dettagliate sullo stato dei luoghi per scongiurare qualsiasi altro rischio e che si provveda a ripristinare/rinnovare, e, non limitarsi a mettere le solite toppe, il manto stradale di tutto il tratto da via Canzatora all’altezza Todis.
I cittadini, inoltre richiedono un maggior impegno dell’Amministrazione Comunale sulla sicurezza e quindi che siano installati su entrambi i lati guard rail “salva motociclisti”, una maggiore illuminazione, l’utilizzo di segnaletica stradale (sia verticale che orizzontale) maggiormente visibile di notte (con indicazione della presenza di una pericolosissima curva ad S non segnalata), nonchè mezzi per dissuadere la velocità di marcia (es.: segnalatori elettronici di lettura della velocità come quelli istallati sul lungomare di Vindicio e bande sonore sull’asfalto).
Gli stessi cittadini hanno preparato un esposto da indirizzare al Comune di Gaeta, alla Astral Spa (gerente in house della Regione Lazio per la gestione delle strade), ai Vigili del fuoco e alla protezione civile.
Gli attivisti del meetup Gaeta 5stelle ed Deputato Raffaele Trano hanno deciso di portare avanti questa battaglia di buon senso per la sicurezza e la salvaguardia di tutti.
La cittadinanza potrà unirsi a noi, aderire e sottoscrivere l’esposto recandosi presso il Bar “Chiar di luna” sito in Gaeta Via Firenze.
La raccolta firme terminerà sabato 24 novembre con un’assemblea pubblica con gli attivisti, che si terrà presso il bar “Chiar di luna” dalle ore 17.00.
La cittadinanza tutta è invitata a partecipare

Meetup Gaeta 5 stelle

Associazione Ernesto
Articolo precedente

GIORNATA INTERNAZIONALE DELL'INFANZIA: UN PROGETTO PER LE SCUOLE

Scogliera occupata a San Felice
Prossimo articolo

SCOGLIERA DI SAN FELICE CIRCEO: ABUSI, MASSONERIA E PONZIO PILATO

Latest from Same Tags