GAETA. SERVIZI COMUNALI, I COMUNISTI VOGLIONO L’AZIENDA SPECIALE: FALLITA L’ESPERIENZA DI ECOCAR

Petizione Gaeta
I militanti comunisti gaetani raccolgono le firme per la petizione su azienda speciale e servizi pubblici

Rifiuti, acqua e altri servizi pubblici, la proposta tramite petizione popolare del Partito Comunista di Gaeta: la soluzione è l’azienda speciale con un comitato di lavoratori a vigilare

Locandina Petizione
Locandina Petizione PC di Gaeta

Sabato 29 febbraio i militanti del Partito Comunista di Gaeta hanno percorso le vie del centro cittadino illustrando il contenuto della petizione appena lanciata per la gestione pubblica dei rifiuti e di altri importanti servizi tra cui quello idrico. Sono state raccolte numerose firme toccando con mano come il tema trattato sia sentito e la proposta goda di ampio consenso. Non c’è da stupirsi – spiegano in un comunicato i militanti comunisti gaetani – vista la vasta gamma di risultati catastrofici collezionata dalla gestione privata, dall’acqua ai rifiuti.

Ecocar ambiente di Gaeta
Ecocar. Credits: ilclandestinogiornale.italiasera.it

ECOCAR E NETTEZZA URBANA – A maggio 2020 scade il contratto con la società Ecocar per la nettezza urbana. Come ogni altra gestione affidata a privati che perseguono l’unico obiettivo del profitto economico sono emersi problemi quali il mancato rispetto dei diritti dei lavoratori fino ai forti e ripetuti ritardi nel pagamento degli stipendi, i costi insostenibili, le tasse alte, i gravi rischi di infiltrazioni malavitose, la dubbia aderenza alle clausole contrattuali, i disservizi di vario genere. Per questo la petizione popolare indirizzata all’Amministrazione chiede la gestione del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti e di altri quali la farmacia comunale, i servizi sociali, culturali, per l’infanzia, di manutenzione del verde pubblico, cimiteriali, di promozione e ricezione turistica, balneari, dei parcheggi, nonché del servizio idrico in forma consortile, attraverso l’unico strumento disponibile autenticamente pubblico: l’Azienda Speciale. Bisogna chiarire infatti che il modello della società di capitali non rappresenta un’alternativa alla gestione privata come spesso si vuol far credere, nemmeno nel caso in cui il Comune ne detenga tutto il capitale. Queste società sono infatti soggetti di diritto privato che godono di autonomia quasi assoluta e rispondono alla logica del profitto, inoltre esse sono perfettamente compatibili con l’ingresso futuro di investitori privati.

Formia Rifiuti Zero
Formia Rifiuti Zero

NO AL MODELLO FORMIA RIFIUTI ZERO, SÌ AI AL COMITATO DEI LAVORATORI – Non è un caso se il modello della vicina “Formia rifiuti Zero”, che si cerca di presentare come virtuoso, ripropone in realtà la maggior parte delle problematiche proprie delle peggiori gestioni private. Chiediamo inoltre che l’Azienda Speciale venga affiancata da un Comitato dei lavoratori che svolga la funzione di proposta, controllo e verifica degli obiettivi. Questo non solo per garantire migliori condizioni ai dipendenti ma perché si ritiene che gli addetti dei settori interessati siano le figure più indicate a comprendere e risolvere le problematiche dei servizi coinvolti oltre che i più idonei a svolgere una funzione di controllo diretto a nome di tutta la comunità. Tale Comitato previsto dallo statuto societario verrà eletto democraticamente tra i lavoratori dei vari servizi cittadini. Sabato 9 maggio presso Piazza Capodanno presenteremo la nostra proposta in un’assemblea conclusiva. Tutti i cittadini di Gaeta possono sottoscrivere fin da ora la petizione presso le edicole, gli altri esercizi commerciali aderenti, presso la sede del PC in Via Indipendenza 206 ogni martedì dalle 17 alle 19 e in occasione delle altre numerose raccolte che il Partito sta predisponendo nelle piazze e per le strade di Gaeta. Chiunque intende approfondire o fornire il proprio contributo fattivo alla raccolta può contattare il PC o ricevere ulteriori informazioni consultando la pagina facebook: Partito Comunista – Gaeta – Sez. “Mariano Mandolesi”.

Casa del Bambino
Articolo precedente

MINTURNO, CASA DEL BAMBINO: LOCALI ANCORA OCCUPATI, NESSUN INTERVENTO ALLA STRUTTURA

Sara Simeoni
Prossimo articolo

FORMIA. SARA SIMEONI IN CITTÀ: "ALZARE L'ASTICELLA DELLA VITA"

Latest from Same Tags