EVADE DAI DOMICILIARI, RAPINA L’EX FIDANZATA E FUGGE. ARRESTATO A LATINA

/
Polizia

Ieri a Latina, nella zona del Parco Falcone Borsellino, due pattuglie della Polizia di Stato venivano avvicinate da un giovane che  riferiva di aver appena assistito ad un’aggressione poi sfociata in una rapina. La vittima ,una giovane donna, si trovava in stato di agitazione seduta su un marciapiede di via Filzi.

I poliziotti raggiungevano subito la donna e, dopo averne verificato le condizioni di salute, acquisivano la sua testimonianza, deducendo che ad aggredirla e rapinarla era stato l’ex fidanzato, soggetto noto alle forze dell’ordine, ed attualmente in stato di detenzione domiciliare. All’uomo era stato per giunta vietato dal giudice di avvicinarsi all’ex compagna per precedenti maltrattamenti.

L’aggressore, che poi risulterà essere un giovane italiano del ’93 (S.O. le iniziali di nome e cognome), durante la rapina aveva preso con violenza il cellulare “Iphone” della vittima, nonché 20,00 euro dal suo portafogli, e si era dato alla fuga.

Quindi sono iniziate immediatamente le ricerche del rapinatore nelle zone limitrofe a quella dell’accaduto e, nei pressi dell’abitazione del pregiudicato. Dopo aver bussato ripetutamente alla porta, gli agenti venivano accolti proprio dal rapinatore.

I poliziotti, dopo una perquisizione personale e domiciliare, hanno ritrovato all’interno di una camera il cellulare appena sottratto alla vittima e 3 grammi di Hashish occultati sotto il materasso della camera da letto.

Successivamente l’aggressore è stato condotto in Questura dove veniva sottoposto a fotosegnalamento ed identificato come autore di numerosi precedenti penali. Tra questi figuravano condanne per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti, resistenza a Pubblico Ufficiale e maltrattamenti in famiglia.

LA VITTIMA DENUNCIA

Polizia di Stato

La vittima della rapina, dopo aver rifiutato le cure mediche, si è recata in Questura per sporgere denuncia.

Grazie ai successivi accertamenti e alla denuncia della vittima, a cui si sono aggiunte le informazioni testimoniali, è emerso che l’uomo, nonostante la detenzione domiciliare ed l’interdizione di avvicinamento alla donna, si è recato nei pressi del giardino “Falcone e Borsellino” per convincerla a riallacciare la relazione.

Al rifiuto della ex partner, l’aggressore prima la strattonava con violenza portandole via il telefonino, subito dopo le strappava la giacca in cui erano custoditi i soldi. Infine al sopraggiungere delle volanti il giovane fuggiva precipitosamente.

Il malfattore, dopo esser stato trattenuto in Questura, veniva tratto in arresto per i reati di rapina ed evasione, quindi, secondo le disposizioni del Magistrato, condotto presso il carcere di Latina. Contestualmente veniva segnalato alla prefettura come assuntore di sostanze stupefacenti.

Disinnesco ordigno bellico
Articolo precedente

EVACUAZIONE ORDIGNO A FORMIA: COME SEGNALARE LE PERSONE CON DIFFICOLTÀ MOTORIE

anniversario della Polizia di Stato
Prossimo articolo

LATINA FESTEGGIA IL 167° ANNIVERSARIO DELLA POLIZIA DI STATO

Latest from Same Tags