gdf

EASY MONEY: COINVOLTI 2 IMPRENDITORI DELLA PROVINCIA

in Giudiziaria

L’operazione della Gdf romana denominata Easy Money che ha consentito di disarticolare un sodalizio criminale impostato su sistematiche evasioni fiscali per oltre 100 milioni di euro nonché operazioni di riciclaggio e auto-riciclaggio dei proventi illeciti per oltre 55 milioni di euro vede tra i 21 indagati a cui sono state notificate misure interdittive dalla professione, dagli uffici e dalle loro imprese, due imprenditori pontini: Marco Terenzi e Gabriele Riccio.

I ruoli dei due sono intrecciati. Terenzi, infatti, è amministratore ufficiale di Abc srl basata a Cisterna di Latina e Hub srl, mentre Riccio è concretamente l’amministratore di Hub srl. A finire sequestrati ieri, oltre alle 12 società cartiere e a un 1 sito Internet, ci sono due immobili di Latina, di preciso due appartamenti.

Come gli altri indagati, anche Terenzi, in qualità di amministratore di diritto, è accusato di intessere relazioni con i potenziali clienti in attesa di fattura, mettendosi d’accordo con loro per gli importi e la “cresta” da prendere per il servizio, per poi disporre le fatture e retrocedere il denaro ai suddetti clienti. Il denaro era indirizzato alle società cartiere (si tratta di società il cui unico scopo è l’emissione, nei confronti di terzi, di fatture per operazioni inesistenti) e successivamente veniva prelevato e restituito ai succitati clienti. Così i due imprenditori avrebbero evaso in quantità notevoli anche l’Iva.

Gli indagati dell’operazione Esay Money sono complessivamente 650 e l’inchiesta “promette” di avere numerosi risvolti sia a Roma che a Latina.

Latest from Giudiziaria

Torna su