CUSTODE DI UNA SANTABARBARA A LATINA: RIMANE IN CARCERE IL 31ENNE INSOSPETTABILE

arsenale

Rimane in carcere Alessandro Maragno, il giovane 31enne di Latina, incensurato e insospettabile, che custodiva un arsenale di armi e altri oggetti nella sua casa di Viale Kennedy

Interrogato dal gip del Tribunale di Latina, Mario La Rosa, il giovane ha dichiarato di aver acquistato le armi e gli altri oggetti per difesa personale, sebbene tra la santabarbara c’erano due pistole con la matricola abrasa segnale di clandestinità delle stesse. Il gip La Rosa ha, pertanto, convalidato l’arresto e firmato l’ordinanza di custodia cautelare in carcere così come disposto dal Pm di turno al momento dell’incarcerazione del 31enne.

arsenale2

Il 2 luglio, la Squadra Mobile di Latina ha perquisito Maragno nella sua abitazione in Viale Kennedy (zona Cimitero), anche con il supporto dell’unità cinofila Faye, trovando all’interno di un mobile porta TV un cassetto nascosto da doppio fondo nel quale sono state rinvenute e sequestrate armi e munizionamento, e nello specifico: una pistola Beretta cal. 7,65 modello 81 con matricola abrasa, munita di caricatore rifornito con 11 cartucce, di cui una già camerata nella camera di scoppio; una pistola revolver modello Smith and Wesson con matricola abrasa; un silenziatore per pistola; un centinaio di cartucce per pistola di vario calibro e 10 coltelli;  5 pistole replica di vari modelli, passamontagnatirapugniarmi bianche di vario genere, un taser ed altro munizionamento di diverso calibro. Da ultimo, anche una maschera da clown, non tanto un oggetto per una sfilata dei carri di Carnevale, quanto tipico dei rapinatori che vogliano occultare il viso.

Leggi anche:
ARSENALE DI ARMI E CARTUCCE: ARRESTATO RAPINATORE CON LA MASCHERA DA CLOWN

Tutti elementi che hanno fatto ritenere agli investigatori che si tratti di un soggetto collegato a circuiti di criminalità di un certo rilievo. Da non sottovalutare inoltre la zona in cui l’insospettabile vive: Viale Kennedy, area da sempre sotto il controllo di uomini appartenenti al Clan Di Silvio/De Rosa. Supposizioni per il momento, anche se l’ipotesi che il 31enne tenesse la retta (in gergo la custodia di armi come in questo caso) si fa largo e non può essere scartata.

COVID
Articolo precedente

COVID-19, MINTURNO: UN CASO POSITIVO A SCAURI

Prossimo articolo

APRILIA. AMPLIAMENTO DEGLI IMPIANTI DEL 30% DI RIDA AMBIENTE IN UN MARASMA BUROCRATICO

Latest from Same Tags