Polizia

CISTERNA. MINACCE DI MORTE PER UNA RAGAZZA CONTESA: SEQUESTRATI PUGNALI, ARMI E UN MACHETE

in Giudiziaria

A Cisterna, denunciato un ventisettenne dopo una lite in strada: trovate nella sua casa armi, pugnali e persino un machete

Una lite scoppiata tra conoscenti per futili motivi poteva degenerare con gravi conseguenze se non fosse intervenuto tempestivamente il personale del Commissariato di Cisterna .

Alcuni cittadini, preoccupati per il violento alterco tra due uomini, hanno richiesto l’intervento della Polizia chiamando il 113.

Gli Agenti, subito intervenuti, nonostante le minacce di morte di uno dei due verso l’altro, hanno riportato, non senza difficoltà, alla calma i due contendenti.

Il motivo della lite sarebbe da ricondursi alla precedente serata trascorsa dai due uomini in una discoteca di Roma ove si sarebbero contesi una ragazza che lavorava nel locale

Il personale operante ha deciso di operare una perquisizione per la ricerca di armi nell’abitazione del più violento dei due che, tra l’altro, risultava essere già noto alle forze dell’ordine per i numerosi precedenti penali. 

La perquisizione ha portato al rinvenimento di un gran numero di pugnali, coltelli, machete di vietata detenzione e del tutto simili a quelli in dotazione a corpi speciali di forze armate, verosimilmente acquisiti tramite mercato clandestino on line. Inoltre, sono state rinvenute armi per soft-air, nonché due rudimentali candelotti con miccia ripieni di  polvere da sparo compressa, sicuramente pericolosi al maneggio e all’uso su cui verrà disposta una perizia per verificarne le reali potenzialità offensive. 

Al termine delle operazioni di rito, l’uomo di 27 anni nato a Cori ma residente a Cisterna nel quartiere San Valentino è stato denunciato in stato di libertà per minacce e detenzione illegale di armi ed esplosivi.

Latest from Giudiziaria

Torna su