CICLOVIE DEL MARE: I PROGETTI DEL COMUNE DI SABAUDIA

CICLABILI

Ciclovie del Mare, Sabaudia verso la mobilità sostenibile: approvato lo schema di accordo di collaborazione con l’Ente Parco

La città di Sabaudia guarda concretamente alla mobilità sostenibile e punta alla realizzazione delle cosiddette “Ciclovie del Mare”, rese possibili dal finanziamento del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, nell’ambito della progettualità finalizzata alla mitigazione dei cambiamenti climatici in linea con l’Agenda 2030 e con le politiche europee sullo sviluppo sostenibile, e dalle intese con il Parco Nazionale del Circeo. La Giunta comunale ha approvato lo schema di accordo di collaborazione con l’Ente Parco e il progetto di fattibilità tecnico-economica, per un valore complessivo di circa un milione e mezzo di euro. 

Il percorso della ciclovia sarà diviso in due tratti: il tratto A che partirà dal Centro Visitatori del Parco e finirà sul lungomare, passando per il Ponte Giovanni XXIII; il tratto B invece interesserà il completamento del tratto che dal Ponte arriva alla strada Sant’Andrea e prevederà la realizzazione del tratto della via Pedemontana lato Sabaudia, quindi andrà da Torre Paola fino a Mezzomonte

Un progetto ambizioso ed economicamente importante che verrà sostenuto congiuntamente dai due Enti: in base all’accordo, infatti, il Comune di Sabaudia, in qualità di soggetto attuatore, realizzerà l’intera opera sia con risorse proprie nella misura di 754.753,67 euro (relative al tratto A) sia attraverso il trasferimento di risorse dall’Ente Parco per euro 743.246,33 (relative al tratto B).

“Con questa realizzazione Sabaudia approderà finalmente ad una mobilità nuova e sostenibile, assicurando un beneficio al nostro territorio, alla cittadinanza e a tutti i visitatori che scelgono la città delle dune quale meta per le loro vacanze. Le ciclabili, inoltre consentiranno di mettere a sistema i percorsi e itinerari naturalistici presenti nel Parco Nazionale creando un percorso urbano-naturalistico all’interno del territorio comunale finalizzato a creare un circuito di collegamento tra i centri strategici del Parco e del Comune ma ponendo anche le basi per una ciclovia più ampia che colleghi Latina a San Felice Circe passando per Sabaudia – ha commentato il Sindaco Gervasi – Vorrei ringraziare l’Ente Parco Nazionale del Circeo, il presidente Ricciardi e il direttore Cassola per il grande impegno profuso e per le intese che ci vedranno parimenti coinvolti in questa importante e storica operazione a tutela dell’ambiente. Siamo di fronte ad una svolta culturale che dovrà senz’altro mirare a sensibilizzare ad una nuova e sostenibile mobilità, all’adozione di comportamenti e stili di vita sempre più salutari e rispettosi del territorio”. 

Il Presidente dell’Ente Parco Antonio Ricciardi e il Direttore Paolo Cassola: “Una concreta dimostrazione dell’importanza delle aree protette che, in collaborazione con le amministrazioni locali, sono in grado di portare finanziamenti e realizzare progetti importanti, in questo caso per la mobilità sostenibile. Un finanziamento del Ministero dell’Ambiente per oltre un milione di euro per realizzare piste ciclabili, nel caso di Sabaudia con la ‘Ciclovia del mare’. Obiettivo per noi fondamentale sarà la realizzazione del Piano della Mobilità Sostenibile del Parco per contribuire al benessere del territorio e alla mitigazione dei cambiamenti climatici”. 

Questo non è il solo intervento previsto dall’Amministrazione comunale a sostegno della mobilità sostenibile: tra gli altri il progetto di riqualificazione dei marciapiedi del Lungomare Pontino fino a Torre Paola rendendoli ciclopedonali, presentato per il bando della Regione Lazio per rendere più accessibile e sostenibile il litorale laziale. Inoltre sono in fase di studio, anche con il Parco Nazionale del Circeo ed altri Enti, la realizzazione di ulteriori collegamenti con borghi e frazioni (ciclabili Mare Monti passanti per Borgo San Donato e per Borgo Vodice, oltre ai tratti fino a Colle Piuccio e Punta di Sabaudia).

CARCERE DI SANTO STEFANO
Articolo precedente

SANTO STEFANO: LA SOMMA URGENZA PER IL CARCERE E L'APPRODO DI MARINELLA

Cori
Prossimo articolo

COVID-19, CORI: CASI POSITIVI IN RSA E NELL'ISTITUTO CHIOMINTO

Latest from Same Tags