APRILIA. MINACCIANO DI MORTE I CARABINIERI SUPPORTATI DA 15 PERSONE. COINVOLTO CONDANNATO IN DON’T TOUCH

in Cronaca

Questa notte, intorno all’una, ad Aprilia, i militari del Reparto Territoriale Carabinieri hanno tratto in arresto, nella flagranza del reato di resistenza a pubblico ufficiale in concorso, Cristian Battello e Cristoforo Iorio, rispettivamente 31 e 32 anni.

Alle precedenti 22,30, una pattuglia del NORM – Aliquota Radiomobile era intervenuta in via Francia in supporto ad un’autoambulanza che stava effettuando un soccorso. Mentre i militari si trovavano sul posto, hanno visto sopraggiungere a bordo di uno scooter di grossa cilindrata due persone che indossavano caschi integrali i quali, al fine di evitare il controllo, hanno tentato di investire gli operanti, dandosi poi alla fuga.

Dopo un concitato inseguimento, i Carabinieri hanno raggiunto e bloccato i fuggitivi, successivamente identificati nei due arrestati, i quali opponendo attiva resistenza hanno cominciato ad inveire nei loro confronti richiedendo il sostegno di altre persone del quartiere, circa una quindicina, incitandoli a “ribaltare l’auto dei carabinieri”.

Cristian Battello, già coinvolto e condannato nel processo Don’t Touch insieme a Cha Cha, i Travali e gli altri, facendosi forte del numero delle persone intervenute a supporto, ha altresì minacciato di morte i carabinieri, mentre dalle finestre delle abitazioni del circondario, alcuni ignoti lanciavano oggetti vari e vasi in direzione dei miliari che fortunatamente non venivano colpiti.

I Carabinieri, nonostante la concitazione, sono riusciti a contenere i due soggetti portandoli in Caserma, dove sono stati tratti in arresto. 

Battello è stato associato alla Casa Circondariale di Latina, mentre Iorio è stato sottoposto agli arresti domiciliari in attesa del giudizio direttissimo, previsto per la mattinata di domani. 

Latest from Cronaca

Torna su